Federsupporter, Blind trust Salernitana: la FIGC ha rilevato la mancanza di indipendenza economica e di terzietà del trust

L'associazione aveva già rilevato che senza questi presupposti il trust non è valido

535
Alfredo Parisi, presidente di Federsupporter

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Secondo notizie di plurimi organi di informazione (cfr. per tutti ADN kronos e ANSA) la FIGC ha, formalmente, chiesto chiarimenti e modifiche in ordine al blind trust in oggetto.

Tali chiarimenti e modifiche riguardano l’indipendenza economica e la terzietà del trust rispetto ai disponenti.

In particolare, la FIGC rileva la mancanza di indipendenza economica e di terzietà del trust ed ha assegnato hai disponenti il termine delle ore 20 del prossimo sabato 3 luglio per fornire i chiarimenti e apportare le modifiche richieste.

Ciò premesso, i rilievi di mancanza di indipendenza economica e di terzietà del trust sono essenziali ai fini della validità del trust stesso.

Come, infatti, evidenziato nelle Note “Obbligo di cessione della Salernitana o della Lazio: il blind trust possibile soluzione” dell’Avvocato Massimo Rossetti (cfr. www.federsupporter.it), il trust non è valido qualora presenti clausole e condizioni tali da non garantirne l’indipendenza e la non invasività del disponente.

Viceversa, non sarebbe costituito un trust, bensì un mero rapporto di mandato fiduciario.

Si ribadisce, infine, che, in base al chiaro tenore letterale della normativa federale in materia di divieto di iscrizione al medesimo campionato di società di calcio professionistiche controllate, direttamente o indirettamente, dallo stesso soggetto, il divieto riguarda non una sola, bensì, tutte le società controllate da quel soggetto.

D’altronde, in mancanza della cessione o di una valida cessione di una delle società controllate da parte del medesimo soggetto la scelta di quale di tali società da iscrivere o non al Campionato non potrebbe essere legittimamente effettuata dalla FIGC, posto che, in questo caso, entrambe le società si troverebbero nella medesima condizione di non poter essere iscritte in assenza della prescrizione, da parte della normativa federale di qualsivoglia criterio che consenta alla Federazione di determinare quale società iscrivere e quale no.

Il Presidente di Federuspporter

Alfredo Parisi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.