Faccenda: «Dispiaciuto per la rottura del gemellaggio»

L'autore del gol che diede vita all'amicizia tra tifosi del Genoa e del Napoli a Radio Crc: «C'è bisogno che i tifosi si incontrino e si chiariscano»

1592
Il gol segnato da Faccenda a Castellini che sancì la nascita del gemellaggio tra i tifosi del Napoli e del Genoa
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Sono dispiaciuto per la rottura del gemellaggio perché per creare ci vuole tempo e invece per distruggere, poco». Mario Faccenda, autore del gol del pareggio per il Genoa con il Napoli il 16 maggio 1982 che sancì l’amicizia tra le due tifoserie, commenta così a Radio Crc la chiusura della storica fratellanza. «Spero si possa chiarire. Vale per Genoa e Napoli – prosegue – ma anche per altre squadre. Quando ci sono i gemellaggi la gente va allo stadio più tranquilla. C’è bisogno che i tifosi si incontrino e si chiariscano».

L’ex rossoblù conclude sul suo celebre gol: «Il mio gol è diventato storia e ne sono felice. Se non l’avessi fatto sarebbe finita 2-1 per il Napoli. Genova è una Napoli del Nord anche se Napoli è molto più grande come città».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.