Evasione fiscale: Preziosi assolto dalla corte d’appello di Genova

Il procedimento riguarda il mancato versamento dell’Iva 2011. Assoluzione anche per l'ad Alessandro Zarbano

51
Enrico Preziosi (Foto Giuseppe Bellini/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Assoluzione per il presidente del GenoaEnrico Preziosi, e l’amministratore delegato, Alessandro Zarbano, dal reato di evasione fiscale. Telenord riporta la sentenza dei giudici della corte d’appello di Genova che hanno anche stabilito la restituzione di quanto sequestrato al patron rossoblù, beni mobili e immobili per un valore di circa 8 milioni di euro, posti sotto sigillo per equivalente. “La vicenda risale al 2013 – riporta l’emittente – e riguardava il mancato versamento dell’Iva per l’anno 2011. I vertici del Genoa avevano però iniziato una rateizzazione del debito con l’Agenzia delle entrate, circostanza che avrebbe dovuto essere presa in considerazione e estinguere il reato. I giudici di primo grado non ne avevano tenuto conto”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.