ESCLUSIVA PG, PERRONE: «Quanti angæzi nel calcio. Prandelli fa il pragmatico»

«La sfida al Frosinone è ostica e agnostica, come direbbe il Trap» spiega il giornalista genovese

968
Perrone
Roberto Perrone (da perrisbite.it)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Dopo “L’estate degli inganni” (Rizzoli) è nelle librerie l’edizione riveduta e corretta di “Banana Football Club” (BUR Ragazzi Rizzoli). Due successi che portano la firma di Roberto Perrone che Pianetagenoa1893.net ha intervistato in esclusiva.

E’ stata data una rinfrescata a uno dei suoi classici, “Banana Football Club”, quattordici anni dopo la stampa. Nel metre il sistema calcio è peggiorato? «Sicuramente non è migliorato. Ci sono molti procuratori maneggioni che truffano e sfruttano le speranze dei giovani e delle loro famiglie. Non ho niente contro queste figure professionali, ma fanno comodo agli affari dei presidenti. Vi racconto una storia vera: un importante calciatore ora in voga cambiò tre procuratori in un anno, ciascuno di loro prometteva sempre più denaro ai genitori. La storia un pò fantasiosa di “Banana Football Club” è ancora attuale».

Che opinione si è fatto in merito all’affare Sturaro? «La dico in genovese: sembra un “angæzo” per tenere buoni rapporti tra Genoa e Juventus. E’ un affare che accontenta tutti e che compenserà futuri esborsi monetari, come ad esempio quello estivo di Cristian Romero».

Perrone
La copertina di “Banana Football Club”

“Banana Football Club” uscì nel 2005, un anno terribile per il Genoa: dalla A alla C1 per illecito sportivo. «Fu un bruttissimo momento. Preziosi commise l’errore di lottare come Masaniello anziché scendere a patti. La doppia retrocessione fu un provvedimento ingiusto che non si è mai più riscontrato nei confronti di un club neopromosso in Serie A».

Veniamo al presente: nel dopo Gasperini il Genoa sembra possa stare sereno solo con allenatori “di terra” come Ballardini e Prandelli. «Il Grifo va a nozze con allenatori pragmatici e tranquilli. L’importante, però, è dare continuità in panchina e a livello di rosa. Si vede la mano di Prandelli ma domenica con il Chievo si è vista ancora la paura di perdere contro l’ultima in classifica. Il tecnico bresciano vuole arrivare alla salvezza e poi sviluppare il bel calcio. L’altro giorno pensavo a una confessione di Aldo Spinelli risalente al 1993: lo raggiunsi nella vecchia sede di Via Roma, esonerò Maselli e richiamò Scoglio per divertirsi. Eppure tre anni prima batté il Liverpool con Osvaldo Bagnoli, nei confronti furono scritti striscioni come “Porta i tuoi problemi a Verona”. Talvolta noi genoani siamo strani».

Sanabria è il n.9 ideale per il Genoa? «Lo dirà solo il tempo. L’impatto è stato positivo, i numeri sono dalla sua e mi pare un ragazzo che si sacrifichi molto per la squadra. Non è facile rimpiazzare un fenomeno come Piatek che anche al Milan sta dimostrando di avere il piede magico. Il Grifone deve, invece, trovare almeno un centrocampista capace di tirare in porta e garantire tre/quattro gol in stagione».

Frosinone e Parma, la salvezza si nasconde nei prossimi sei punti in palio? «Sì, sono partite importanti per affrontare serenamente il periodo truce del calendario, quello che costò caro a Juric. Trapattoni direbbe che la sfida con il Frosinone è “ostica e agnostica”. I gialloblù vivono un buon momento di forma, hanno vinto in trasferta contro Bologna e Sampdoria e hanno messo in difficoltà la Roma. E’ una squadra che sa fare gol».

Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.