ESCLUSIVA, GENOA CLUB TORONTO: «Criscito il più amato. Italia resisti»

«L'OMS ha plaudito alle nostre restrizioni per battere il covid-19» spiega Cardone

1592
Criscito Genoa D'Amico
Il bacio di Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Pianetagenoa1893.net ha intervistato in esclusiva Fabrizio Cardone. Il presidente del Genoa Club Toronto – che lavora nel Government of Ontario – ci fornisce la prospettiva esterna del problema coronavirus che sta mettendo in ginocchio l’Italia e preoccupando il mondo.

Come viene vista l’emergenza italiana? «Mi ha fatto piacere che l’OMS abbia plaudito alle restrizioni introdotte progressivamente dal Premier Conte. È il modo migliore per battere il covid-19. La sanità italiana è una delle migliori al mondo e non è colpa nostra se il virus sta esplodendo in Europa. Adesso bisogna resistere restando uniti senza polemiche».

Il Governo canadese si è già mosso contro il coronavirus? «Sì, a differenza degli Stati Uniti che continuano a considerare con leggerezza la pandemia. Il Canada ha memoria dei gravi danni compiuti dalla Sars in nord America nel 2003: sta sollecitando la gente e le aziende ad adottare misure cautelative. La risposta è confortante, il livello d’educazione civica è molto alto».

Lo sport si è fermato anche in Canada? Qual è il livello di sanità del nord America? «Tutto bloccato come un effetto domino: hockey, baseball, football, basket. La sanità canadese è equiparabile a quella italiana perché pubblica ma, contrariamente, non prevede ticket che di solito sono salatissimi. È un vantaggio che compensa le lentezze di un sistema sanitario differenziato su un territorio vastissimo».

Parliamo del Genoa che con Davide Nicola è rinato. «Confesso che inizialmente ero dubbioso su di lui, come molti tifosi. La sua storia umana è toccante, lo considero un uomo con l’iniziale maiuscola. Il mister ha ridato mentalità, passione ed entusiasmo a una squadra quasi condannata alla B. Il mercato di gennaio ha portato calciatori esperti di grande utilità, spero che Perin possa restare oltre giugno: a livello di utilità nello spogliatoio mi ricorda Alessio Scarpi, l’attuale suo preparatore».

Come sta il Genoa Club Toronto? «Siamo cresciuti perché ormai sono sempre più i giovani che lasciano l’Italia, ragazzi e ragazze non più solo del meridione come una volta. Seguiamo le partite del Grifone tramite Dazn che in Canada è la principale emittente. Criscito è il genoano più amato dai canadesi: abbiamo apprezzato la sua volontà di rimanere in rossoblù».

Clicca qui per accedere alla pagina Instagram del Genoa Club Ontario

Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.