Ekdal, centrocampista svedese di qualità e quantità per il Grifone

Il giocatore è un tuttofare del centrocampo, ideale per ricoprire il ruolo di centrale in una linea a quattro o di mezzala in un reparto a tre

1152
Ekdal con la maglia della Svezia (Dal profilo Instagram del giocatore)
Per il Grifone la vetrina dei Mondiali mette in mostra Albin Ekdal, centrocampista svedese di qualità e quantità che in Italia ha costruito gran parte del suo curriculum. Cresciuto a Stoccolma nel Brommapojkarna, viene acquistato dalla Juventus nel 2008 per poi passare al Siena e al Bologna dove diventa uno dei punti fermi della squadra, ma la definitiva consacrazione arriva nel quadriennio di Cagliari collezionando 116 presenze in campionato. Nel 2015 lascia la Serie A per giocare nell’Amburgo in Bundesliga, ma non riesce a rispondere pienamente alle aspettative riposte in lui anche a causa di alcuni problemi fisici che lo hanno frenato. Con la storica retrocessione del club si sono aperti per il centrocampista, ora impegnato in Russia, possibili scenari di mercato. Ekdal (classe 1989) è un tuttofare del centrocampo, ideale per ricoprire il ruolo di centrale in una linea a quattro o di mezzala in un reparto a tre.
Può giocare come schermo davanti alla difesa ( per esempio in un 4-1-4-1, modulo utilizzato spesso dall’Amburgo) e in situazioni di emergenza interpretare anche il ruolo di difensore, come De Rossi ha spesso fatto con la Roma. Giocatore di sacrificio e ottimo recuperatore di palloni, dotato anche di un buon piede infatti non sono rari i suoi tentativi di conclusione dalla distanza. Il suo tratto distintivo è la grinta con cui va ad affrontare il diretto avversario per sradicargli la sfera o interrompergli la corsa. Solitamente preciso negli interventi, che sono in generale muscolari e al tempo stesso puliti: per sua la tipologia di gioco non colleziona molti cartellini gialli. Come caratteristiche è il giocatore ideale per il centrocampo rossoblù in quanto incarna quelle caratteristiche di cui il reparto è orfano dalla partenza di Rincon. Il costo del cartellino si aggira sui quattro milioni di euro, cifra che potrebbe vedere un piccolo sconto visto la retrocessione dell’Amburgo nella cadetteria tedesca. Sul nazionale svedese non c’è solo il Genoa, in Italia è stato sondato dal Chievo ed è forte anche l’interesse del Cagliari che potrebbe virare su di lui nel caso non riuscisse a chiudere per Castro.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.