Due titolari per ruolo nel Genoa: un punto di forza per Ballardini verso la salvezza

Domenica contro il Torino si è infortunato Criscito: è entrato subito alla grande Goldaniga, titolare aggiunto

2102
Sirianni Preziosi
Vittorio Sirianni

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Lo “Zio Balla” oltreché essere un buon “zio” sembra essere anche e soprattutto un buon padre di famiglia, che conosce i suoi figlioli (in questo caso i giocatori rossoblù che considera suoi figli…adottivi): conosce i loro pregi, le loro qualità umane.

Prima della partita col Torino, Ballardini ha pensato elogiato anche la consorte di Behrami, Lara Gut, oro mondiale giorni fa nel SuperG a Cortina. «Mi è sembrata una ragazza intelligente – ha detto – semplice e solare. Ed ha aggiunto: «le avrei dato anche il Nobel come migliore moglie del mondo, avendo al suo fianco Valon, un ragazzo meraviglioso». Un inciso che fa capire il bel clima familiare che regna tra tecnico e giocatori.

Morale: “i figlioli adottivi” di “papà Balla” domenica si sono impegnati, andando vicino tre volte al gol. Alla fine, hanno colto un solo punto, ma che vale tanto: ben 10 punti sul Cagliari terzultimo (per ora, in attesa del Parma che giocherà a Verona).

Insomma, il tecnico del Genoa ha capito, ancora una volta, che gli aspetti umani, i valori, i sentimenti, le motivazioni di tipo psicologico sono le “molle” che portano ai risultati positivi. E così, sta lavorando su questo versante.

Finora 18 punti in nove partite: una media da record, da centrare la Champions League! E soprattutto la consapevolezza che ha conquistato i giocatori, di poter scendere in campo e battersi per dare il massimo sempre e comunque, riuscire a giocare sempre la loro partita; poi ovviamente (come col Torino) non si riesce a conquistare l’intera posta in palio, esiste anche la sfortuna (se il Grifone avesse vinto non ci sarebbe stato nulla di male, anzi, sarebbe stato un successo meritato), ma è proprio questa certezza nei propri mezzi e nelle riconquistate forze umane e psicologiche a essere il punto di forza della squadra.

Lo ha confermato una dichiarazione di Zajc, altro elemento inseritosi molto felicemente negli schemi dell’allenatore, accanto ai vari Strootman, Badelj, Destro, Shomurodov, ecc. Ha dichiarato: «Siamo un po’ più liberi, più concentrati sulle cose che facciamo. Stiamo vivendo un periodo molto bello». Ecco: la libertà di muoversi e di far emergere le proprie capacità. Si sa che quando la mente è libera, permette di fare cose stupende: quando è bloccata, gli effetti sono nefasti (e nel Genoa fu bloccata, non dimentichiamolo, da quel maledetto Covid).

Contro il Torino, tra i due Davide ha vinto quello genoano, che è riuscito a far compiere a ciascun giocatore quello che sa fare. Ed ha trovato (questo mai era successo in passato) gli uomini giusti da inserire al posto giusto.

Un altro aspetto: Balla è riuscito ad avere due giocatori titolari per ruolo e tutti alla stessa altezza (un tempo si parlava di titolari e riserve, adesso nulla più di tutto questo…): domenica purtroppo si è infortunato Criscito ed ecco che c’era subito il sostituto, Goldaniga, che non era una semplice riserva, ma un vero e proprio titolare aggiunto che ha svolto forse la sua miglior partita da quando è in rossoblù.

Dunque: diciamo che (facendo tutti gli scongiuri del caso) il Grifo oggi è una buona formazione, ha ritrovato una sua identità, gioca con leggerezza e senso dell’organizzazione. Guarda caso ormai anche le pagelle dei calciatori sono tutte ampiamente sopra il sei/sette. E Ballardini, pensate è il primo degli allenatori italiani nella classifica che viene stilata riassumendo tutti i voti dei giornali sportivi italiani.

Otto gare, 18 punti: si riuscirà ad andare avanti su questo ritmo? Vedremo se sabato contro il Verona, il Genoa confermerà questo strepitoso ruolino di marcia. Senza particolari trionfalismi, senza celebrazioni particolari, ma con coraggio e cuore si può arrivare a guadagnare qualche titolone sui quotidiani nazionali, sempre così parchi di attenzioni (perché disattenti e indifferenti) al nostro calcio cittadino.

Vittorio Sirianni

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.