Il doppio scambio di giovani tra Inter e Genoa è alla pari?

Solo Radu è pronto per la Serie A: Salcedo, Serpe e Valietti hanno bisogno di qualche mese di tempo. L'Inter incassa oggi ma il Genoa punta a superarlo domani

2348
Salcedo Genoa Inter
Il debutto di Salcedo a Reggio Emilia contro il Sassuolo (da genoacfc.it Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sono giornate d’incontri tra Inter e Genoa. I club si sono dati parecchie volte appuntamento a Milano, capitale del calciomercato italiano, per discutere di un doppio scambio di giovani. Eddy Salcedo e Laurens Serpe prestati con diritto di riscatto in favore dei nerazzurri, Ionut Radu e Federico Valietti in rossoblù per dodici milioni complessivi. Non c’è dubbio: alla luce della somma investita il Grifone deve credere parecchio nei due ragazzi dell’Inter. Mettendo sulla bilancia il potenziale di ciascun calciatore, chi ha fatto l’affare? La parola definitiva al campo e al tempo.

Radu sarà aggregato in prima squadra, è un 1997 con un anno di esperienza in Serie B all’Avellino. Sarà lui il vice Marchetti? Il Genoa deve cautelarsi dal rischio infortuni del titolare, essendo inattivo da diciotto mesi, con un numero dodici pronto e affidabile. Pure Federico Valietti – leva ’99 – farà parte del gruppo di Ballardini. Il terzino bergamasco può ricoprire il ruolo di uno dei due fuori quota della Primavera (al momento l’unico certo è Karic) ma con una spesa media di sei milioni di euro il Genoa è intenzionato a vederlo all’opera con i grandi. Sarebbe giusto dargli fiducia.

All’Inter andrebbero Salcedo e Serpe, entrambi della promettente generazione 2001. L’attaccante genovese d’origine colombiana ha compiuto il salto di qualità giocando “sotto leva”, cioè con i più grandi d’età, ma non è ancora esploso definitivamente come Pellegri, il suo ex gemello del gol nelle giovanili rossoblù. Laurens Serpe è un’altra intuizione (sicuramente vincente) della ditta Sbravati&Co. perfezionata da mister Chiappino. Serpe è un difensore potente, solido come la sua terra carrarese, dotato di una struttura fisica evoluta che lo rende un grande aviatore: le respinte di testa le prende quasi tutte lui.

Sui piatti della bilancia ci sono quattro giocatori differenti. Solo Radu è pronto fin da subito per la Serie A, gli altri hanno bisogno di qualche mese d’adattamento. L’Inter incassa oggi anche per le esigenze di Fair Play Finanziario ma il Genoa punta a superarlo domani.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.