D’Amico, agente di Criscito: «Non ha voluto lasciare il Genoa»

«Decisiva la volontà del capitano, la squadra era in una brutta posizione di classifica»

929
Criscito Genoa D'Amico
Il bacio di Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Andrea D’Amico, procuratore di Mimmo Criscito, è tornato sulla trattativa invernale che per poco non portò il capitano alla Fiorentina. «Non se ne fece nulla per la volontà del giocatore. I presupposti c’erano ma da capitano del Genoa non se l’è sentita di lasciare la sua squadra in una brutta posizione di classifica» spiega l’agente a fiorentina.it.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.