Criscito a Sportweek: “Sono qui per amore del Genoa, darò il 200%”

L'ex capitano dello Zenit: "Per venire qui ho rifiutato l'Inter e altre quattro squadre"

606
Mimmo Criscito torna al Genoa (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Potevo accettare qualche altra proposta, dall’Inter al Fenerbahce, dal Galatasaray allo Sporting Lisbona passando per lo Spartak Mosca. Oppure, potevo restare allo Zenit e giocare la Champions”. E invece niente di tutto questo, perché Mimmo Criscito è tornato al Genoa rifiutando peraltro le sopracitate tentazioni (anche economiche) decisamente allettanti. Ne parla proprio l’ex capitano del club di San Pietroburgo, intervistato da Sportweek oggi in edicola, sostenendo la bontà della sua scelta: “Avrei guadagnato molti più soldi, in fondo ho 31 anni e non sono mica a fine carriera, avrei strappato un lungo e ricco contratto”.

La sua missione, la sua ferma volontà di onorare una promessa: “Il calcio deve essere passione e sentimento, non solo soldi. Sette anni fa me ne sono andato per necessità mie e del club, non ero felice di partire. Mi dissi che sarebbe stato un arrivederci, non un addio. E ai tifosi prometto solo una cosa, non darò il cento per cento ma il duecento”. Oggi Criscito è tornato a casa, accompagnato dalla moglie Pamela, dai figli (Alfredo e Alessandro) e soprattutto da un buon bagaglio d’esperienza accumulata in Russia: “Sono tornato per il Genoa. Preziosi mi ha chiamato a gennaio, ci siamo incontrati a cena a Milano e in dieci minuti ci siano messi d’accordo. Sono qui per amore del Genoa, mi ha conquistato dal primo giorno in cui vi ho messo piede, a 14 anni. Ne sono innamorato per come sono stato accolto e cresciuto”. 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.