Criscito: «Mi è sempre piaciuto battere i rigori, ho iniziato quando ero allo Zenit»

Il capitano rossoblù: «Con il rigore lasciato a Sanabria con la Roma ci sono state polemiche, ma dopo quello realizzato contro il Cagliari ho deciso che li avrei sempre battuti io»

552
Criscito Genoa
La gioia di Criscito dopo il gol al Sassuolo (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Per parlare di fantacalcio, ma, soprattutto, del suo grande rapporto con i rigori, i microfoni di SOS Fanta hanno raggiunto attraverso Instagram il capitano del Genoa Domenico Criscito:

«A me è sempre piaciuto tirare i rigori, però nella mia squadra ho sempre avuto dei bei rigoristi: al Genoa c’era Milito, allo Zenit c’era Hulk. L’anno scorso poi c’è stato Piatek fino a gennaio. Ho iniziato a battere i rigori allo Zenit quando Hulk è andato via. Il mister mi ha chiesto: ‘Te la senti? Hai un bel sinistro’ e io ho accettato. Da allora li ho sempre tirati. L’anno scorso, quando poi è andato via Piatek, c’è stato il rigore con la Roma tirato poi da Sanabria. Se la sentiva e ho deciso di lasciare il pallone a lui. Lì ci sono state un po’ di polemiche. Dopo c’è stato il secondo rigore contro il Cagliari al 90′. A quel punto, dato che era la penultima giornata, mi sono detto che dovevo prendermi io la responsabilità. Ho fatto gol e da quel momento ho detto: ‘La palla è mia’».

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.