Criscito: «Il Picco è uno stadio che mi porta fortuna»

Il capitano del Genoa: «Ho giocato tre partite in questo stadio e ho segnato tre gol»

939
Criscito Genoa
Criscito in gol (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine di Spezia-Genoa 1-1, Mimmo Criscito è stato intervistato ai microfoni di Genoa Channel.

Capitano cosa vi lascia questo punto?

«E’ un punto guadagnato per come si era messa la partita. Nel primo tempo le due squadre si sono annullate, con poche occasioni da una parte e dall’altra. Nel secondo tempo è arrivato il loro gol su un calcio di punizione, secondo me con tanta fortuna – spiega Criscito – E poi dopo il loro gol abbiamo rischiato qualcosa in contropiede: loro hanno sbagliato e poi è arrivato il nostro gol che ha portato al pareggio».

Stessa porta, stesso gol pesantissimo come l’anno scorso: cos’hai pensato quando lo sei andato a calciare? Ti è venuto in mente il rigore della scorsa stagione?

«Quando vado a battere un rigore sono sempre concentrato, cerco sempre di tirarlo al meglio. Ho giocato tre partite in questo stadio e ho segnato tre gol se contiamo anche quello del 2006: è uno stadio che mi porta fortuna».

Tre partite, tre gol al Picco ma soprattutto con quattro reti sei il difensore goleador dei cinque maggiori campionati europei

«E’ ovvio che ho un vantaggio nel tirare i rigori, ma i rigori vanno segnati. Lo sto facendo e sono contento: però so bene che bisogna lavorare per cercare di tornare alla vittoria perché la vittoria ci manca».

La prossima gara sarà al Ferraris col Venezia e bisognerà dare tutto per arrivare all’agognata vittoria

«Bisogna dare tutto, abbiamo bisogno di tutti e dei nostri tifosi. speriamo di poter festeggiare la nostra prima vittoria a Genova».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.