Criscito: “Sono un capitano tifoso. Genova è casa mia”

"A San Pietroburgo ho avuto la fortuna d'incontrare un traduttore genovese e genoano" spiega il difensore napoletano

1423
Criscito
Mimmo Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Da Napoli a Genova, da San Pietroburgo a Genova. C’è una costante nella vita di Mimmo Criscito. La città “superba per uomini e per mura”. «Mi considero un capitano tifoso. Genova è casa mia. Napoli, invece, mi ha insegnato la voglia di ridere e scherzare» spiega il difensore al magazine della Serie A.

«Ho trascorso sette anni splendidi in Russia; sono partito con mia moglie Pamela incinta, non è stata una decisione facile. A San Pietroburgo ho avuto la fortuna d’incontrare un traduttore genovese e genoano» spiega Criscito. I casi della vita, tutto ruota attorno a Genova.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.