Cosmi: «De André cantava temi di chiara estrazione genoana»

«Nel calcio mi sento come un extraterrestre perché sono una persona umana» spiega il mister

2467
Cosmi Genoa
Serse Cosmi (dalla sua pagia Instagram)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto in una divertente live su Instagram, mister Serse Cosmi è tornato a parlare di Genova (con il Genoa appena quattro sconfitte in Serie B, una in più del Professore Scoglio). Primo argomento affrontato la poetica di Fabrizio De André: «Sono nato con la sua musica. Faber, come lo ha soprannominato il suo amico Villaggio, è un punto di riferimento della mia vita, non solo dal punto di vista artistico. È un genio assoluto, amato da tutti. Ha cantato temi di chiara estrazione genoana: non poteva essere altrimenti».

«Nel calcio mi sento come un extraterrestre perché sono una persona umana: è il pallone ad essere anormale. La storica imitazione di Maurizio Crozza a “Mai Dire Gol” ha colto solo alcuni punti di me: ne è uscito un stereotipo che mi ha intrappolato. L’errore umano più grande? L’ho commesso quando ho ascoltato certi personaggi del calcio che mi dicevano di cambiare» chiosa Cosmi.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.