CORRIERE DELLO SPORT – Sticchi Damiani: «Negare la A al Benevento sarebbe aberrante quanto condannare Lecce o Genoa alla B»

Il presidente del Lecce espone la sua opinione in un'intervista, dove spiega anche il piano della Lega per la ripresa del campionato

1551
Sticchi Damiani Lecce
Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«La questione è delicata. Negare al Benevento la promozione sarebbe aberrante quanto condannare Lecce o Genoa alla B». In un’intervista al Corriere dello Sport, il presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani spiega la sua opinione riguardo a promozioni e retrocessioni: «Servirà una soluzione giuridicamente logica che tenga il più possibile conto dei meriti sportivi di ciascuna squadra». Il numero uno giallorosso spiega riguardo alla ripresa del campionato: «Sinceramente in questo momento io non me la sento di riprendere con tutti quei morti. Ma se la situazione migliorasse e ci venisse chiesto questo sacrificio occorrerebbe giocare per far ripartire l’industria calcio». E aggiunge: «Non avrebbe senso omologare una stagione chiusa in anticipo. Niente scudetto, né retrocessioni». E spiega anche il piano della Lega di A per la ripresa del campionato: «Le porte chiuse ipotesi concreta».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.