Correva l’anno 1994: il Genoa di Scoglio pareggiò 0-0 nel suo primo incontro in notturna a Cagliari

Il tecnico eoliano, che aveva fino a quel momento raccolto quattro punti, impostò una formazione prudente, schierata con l’1-3-4-1-1, in risposta all’1-3-4-2 di Giorgi

741
Franco Scoglio
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il Campionato Italiano di calcio di Serie A 1993/1994 va ricordato almeno per due motivi: fu l’ultimo in cui la vittoria di una partita fruttava 2 punti in classifica e il primo in cui fu possibile vedere in diretta televisiva agli abbonati di TELE + (fruibile con un decodificatore analogico a pagamento e il relativo abbonamento) una partita (che si giocava in posticipo alla domenica sera) per ciascuna giornata, fatta eccezione per le ultime quattro, in cui doveva essere garantita la contemporaneità (regola «sacrosanta», ma clamorosamente contraddetta tra venerdì 29 aprile e domenica 1° maggio 1994, quando rispettivamente andarono in scena Parma-Piacenza 0-0 – i ducali dovevano giocare il 4 maggio al “Parken” di Copenaghen la Finalissima di Coppa delle Coppe, poi persa 0-1 contro la formazione londinese dell’Arsenal – e Milan-Reggiana 0-1, che decretarono in quell’ultimo turno la retrocessione dei biancorossi – spettatori impotenti e furibondi al “Giuseppe Meazza” – e la salvezza dei granata emiliani).

Nella lotta per la salvezza fu coinvolto – con esito positivo – anche il Genoa, sulla cui panchina, dopo che, a seguito della sconfitta esterna per 1-2 contro l’Atalanta di domenica 19 dicembre 1993, era stato esonerato dal presidente Aldo «Aldone» Spinelli sr. l’allenatore Claudio Maselli (il tecnico romano aveva raccolto 11 punti su 32 disponibili), era stato richiamato a sedersi – dopo tre anni e mezzo dalla conclusione della sua prima esperienza – «il Professore» Francesco «Franco» Scoglio. Per chi era contemporaneamente abbonato al Genoa e a TELE + fu quella di fatto la prima occasione di assistere in poltrona a una partita della propria squadra del cuore, visto che il primo incontro dei rossoblù trasmesso dalla televisione a pagamento era stato il derby casalingo pareggiato 1-1 domenica 5 dicembre 1993.

Alla sua quarta partita sulla panchina del Genoa il tecnico eoliano, che aveva fino a quel momento raccolto quattro punti, impostò una formazione prudente, schierata con l’1-3-4-1-1, in risposta all’1-3-4-2 del collega Bruno «Paul Newman» Giorgi, il quale, curiosamente, nel precedente campionato si era dimesso da allenatore del Genoa dopo la sconfitta interna per 2-3 contro il Cagliari. Visto che il pareggio garantiva all’epoca la metà della posta in palio, le due squadre non «si azzannarono», come dimostrato dal fatto che le poche occasioni da rete dell’incontro giunsero su calci piazzati: nel primo tempo due punizioni dell’ex genoano Vittorio Pusceddu da circa venticinque metri al 2’ e da circa trentacinque metri al 35’ (la prima bloccata e la seconda deviata sul fondo da Stefano «Capitan Fracassa» Tacconi) inframmezzate da una punizione da circa trentatré metri di Mario «Marietto» Bortolazzi, bloccata in tuffo sulla sua sinistra da Valerio «Saponetta» Fiori, e da un colpo di testa di Gianluca «Luca» Signorini sr., su calcio d’angolo battuto da Bortolazzi, respinto a un metro dalla linea di porta da Gianfranco «Matteo» Matteoli al 31’; nella ripresa, allo scadere, una punizione parabolica dalla sinistra «a spiovere» di Matteoli da circa ventitré metri, che stava per ingannare Tacconi «accecato» dalle luci dei riflettori (il portiere smanacciò due volte il pallone, che tra i due tocchi «accarezzò» la traversa, sempre con la mano destra a ridosso della linea di porta prima che Signorini sr. lo rinviasse).

TABELLINO

Cagliari, domenica 23 gennaio 1994, Stadio “Sant’Elia”, ore 20,30

Cagliari-Genoa 0-0 [XX giornata del Campionato Italiano di Serie A 1993/1994]

Arbitro: Stafoggia [Pesaro]

Spettatori: Quindicimila circa

Cagliari: 1 Fiori, 2 Napoli (dal 10’ del 2° T.: 15 Moriero), 3 Pusceddu, 4 F. Bellucci. 5 A. Aloisi, 6 Firicano, 7 Sanna, 8 Marcolin, 9 Dely Valdes, 10 Matteoli, 11 L. Oliveira. Allenatore: Giorgi.

Genoa: 1 Tacconi, 2 Torrente, 3 Caricola II, 4 Ruotolo, 5 Galante, 6 Signorini sr., 7 Van’t Schip, 8 Bortolazzi, 9 Detari (dal 22’ del 2° T.: 16 Nappi), 10 Skuhravy, 11 R. Onorati. Allenatore: Scoglio.

Note: prima dell’incontro viene dedicata la Tribuna Stampa a Scopigno, allenatore del Cagliari per cinque campionati (tutti di Serie A – nel 1966/1967 e dal 1968/1969 al 1971/1972 – di cui uno – quello del 1969/1970 – vinto).

Stefano Massa

(membro del Comitato Ricerche e Storia del Museo della Storia del Genoa)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.