Corradi scrive al suo “Sven” Criscito: «Resta e aiutaci a salvare il Genoa»

«Ti chiamavo Sven perchè più che un napoletano mi sembravi uno svedese»

6468
Genoa Criscito Corradi
Un giovanissimo Mimmo Criscito con la maglia del Genoa (dalla sua pagina Instagram)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sidio Corradi, vecchio cuore rossoblù, ha scritto una emozionante lettera a Mimmo Criscito. Il capitano può lasciare il Genoa per la Fiorentina. «Ciao Mimmo, ho letto, che ci sono squadre che ti cercano, in ultima la Fiorentina e tu hai risposto nella maniera che mi aspettavo, perché io ci credo che il tuo cuore è rossoblu. Quando sei arrivato, ed eri un ragazzino biondo e con gli occhi azzurri. Il primo che ha avuto il piacere di allenarti, e lo dico con orgoglio, sono stato io: ti ho avuto per circa tre anni e poi hai fatto una grande carriera. Premetto, non mi arrogo il merito di averti fatto diventare bravo, perché tu bravo lo eri già. Ti ho dato sicuramente tanti consigli e tu questi li hai incamerati nella tua mente e ne hai poi usufruito nella tua grande carriera arrivando anche in Nazionale Italiana».

«Ti ricordi con quale nome ti chiamavo? SVEN… perché, ti dicevo, tu più che napoletano mi sembravi uno svedese. Poi nel finire della tua carriera sei ritornato a casa madre e mi hai ritrovato e avendo letto quello che hai scritto su Facebook (che dal Genoa sei partito e nel Genoa vuoi chiudere la tua bellissima carriera) mi hai emozionato e reso felice» scrive Corradi a Criscito.

«Dopo essere stato in altre cinque squadre è da trentaquattro anni che indosso, come dirigente, questi bellissimi colori. Vedi… SVEN… scusami se ti chiamo ancora così, questa squadra che sta lottando per venire fuori da questa situazione la si ama fino in fondo. Insomma il Genoa si AMA e allora ti faccio una preghiera: rimani con noi e aiutaci ancora con la tua classe, con il cuore e con la fascia da capitano, che non tutti possono indossare, a salvare questa nave chiamata Genoa. Hai una bella famiglia che io conosco bene (compresi i tuoi genitori e suoceri) che sono qui a Genova – spiega l’ex ala genoana – Scusami se mi sono permesso di parlarti in questa maniera, ma il Genoa per me è la vita. Ti Abbraccio con Grande Affetto e TVB».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.