Coronavirus, campionato finito in anticipo nel Belgio: il Bruges è campione

Il consiglio di amministrazione della Pro League sottoporrà la decisione il 15 aprile all'assemblea dei club: classifica congelata con 29 giornate su 30 della fase regolare

416
Il Bruges campione del Belgio (Foto Tweet Pro League)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Il Consiglio di amministrazione ha deciso all’unanimità che non era auspicabile, a prescindere dallo scenario previsto, continuare la competizione dopo il 30 giugno». Con questa decisione comunicata sul sito della Pro League, il Belgio è la prima nazione europea a chiudere il campionato, a causa della pandemia di Coronavirus. «Tenendo conto degli elementi di cui sopra – prosegue la nota – il Consiglio di amministrazione ha formulato un parere unanime all’Assemblea Generale al fine di non riprendere le competizioni della stagione 19-20 e di accettare l’attuale classificazione della Jupiler Pro League come classificazione finale (fatte salve le decisioni della Commissione delle licenze)». Il direttivo della lega belga spiega il motivo principale della conclusione del torneo: «Anche se in teoria le partite chiuse fossero teoricamente possibili, si dovrebbe evitare la pressione aggiuntiva che l’organizzazione di tali partite eserciterebbe sui servizi sanitari e l’applicazione della legge. Inoltre, le decisioni delle autorità locali minacciano di rendere impossibile lo svolgimento simultaneo delle giornate di campionato».

La fase regolare si è chiusa dopo aver disputato 29 giornate su 30: il Bruges, primo in classifica, è stato dichiarato vincitore del campionato. Dunque, niente playoff e playout che sarebbero dovuti essere disputati in questo mese. Nella nota non si fa menzione per le retrocessioni e le promozioni: «Il Consiglio di amministrazione ha istituito un gruppo di lavoro che esaminerà i problemi sportivi e le implicazioni finanziarie di questa decisione». La decisione del direttivo della Pro League sarà sottoposta il 15 aprile all’assemblea dei club.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.