Club Portuali Voltri: San Gennaro concede la grazia al Genoa

È stato un pari meritato, ma che sa di mezzo miracolo perché ottenuto in 10 uomini per oltre un’ora, quello ottenuto dal Genoa contro un Napoli con la testa già a Londra e all’Europa League

397
La notizia migliore però è che il Grifone ha ritrovato sé stesso dopo appena quattro giorni dalla rovinosa caduta casalinga contro l’Inter.
Prandelli stavolta non ha sbagliato sia l’impostazione della gara che la scelta dei titolari nonostante le assenze forzate degli squalificati Romero e Zuckanovic, proponendo una difesa a 3 (tornata a 4 dopo l’espulsione di Sturaro), un centrocampo ed un attacco composto da giocatori più tecnici che fisici: fuori dunque i muscoli di Radovanovic, Rolon, Lerager e dentro i piedi educati di Bessa, Veloso, Lazovic e soprattutto Pandev.Questi giocatori, grazie alla loro tecnica, sono stati in grado fin da subito di tenere palla e rilanciare le azioni offensive, prima tenendo preoccupata la difesa napoletana, poi macinando azioni da rete con buona continuità.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Solo una sciagurata entrata di Sturaro su Allan alla mezz’ora di gioco, punita dal VAR con una severissima espulsione diretta, ha aiutato gli uomini di Ancellotti a prendere in mano una partita che stava mettendosi molto male per il Napoli e ad andare in vantaggio.
Ma lo stato di grazia rossoblu durato tutto il primo tempo ha consentito al Grifone in 10 uomini di riuscire a pareggiare subito grazie ad una azione tecnicamente pregevole nata sull’asse Kouamè-Pandev e finalizzata da un’altra giocata di classe di Lazovic.

Il secondo tempo è stato giocato in apnea dai ragazzi di Prandelli: il Mister ha giustamente pensato di portare a Genova il risultato portando la difesa a 4 e chiudendo il centrocampo con l’introduzione dei muscoli e della forza fisica di Rolon, Radovanovic e Pezzella al posto dei piedi fini di Pandev, Veloso e Bessa.
Il resto lo ha fatto Radu, che con alcuni interventi molto difficili è riuscito a non far più segnare il Napoli.
In avanti poi Kouamè è riuscito da solo a tenere in allarme rosso tutta la difesa di Ancellotti, reparto della squadra napoletana che sembra essere in una fase di grande difficoltà, tanto da “rischiare” allo scadere della partita di andare in rete e regalare al Grifone tre punti che sarebbero stati un vero miracolo di San Gennaro.

Il punto di Napoli è davvero ottimo ed aggiusta un po’ la classifica vista la sconfitta dell’Empoli ed in attesa della partita del Bologna.
Ma questo rimarrà comunque un campionato assurdo, che nel momento topico della stagione ci ha visto vincitori contro la capolista, ci ha visto pareggiare in dieci in trasferta contro la seconda in graduatoria, ma al tempo stesso ci ha visto risucchiati nella zona pericolosa per delle sconfitte o dei pareggi contro squadre che occupano gli ultimi posti della classifica.

In vista del derby di domenica prossima e dopo la settimana di passione appena trascorsa, ci sembra davvero di aver goduto di un“mezzo miracolo di San Gennaro”!
Ma la partita di Napoli ha comunque dimostrato che la nostra squadra non è morta ed ha ancora qualcosa da dire, ma soprattutto che se è messa in campo con raziocinio e se i suoi giocatori migliori gettano il cuore oltre l’ostacolo allora fare risultato nella stracittadina non è impossibile.

E voi cosa ne pensate?
Commentate qui sotto, fateci conoscere il vostro parere!

Forza Genoa!

Andrea Moresi – Genoa Club Portuali Voltri

(Riceviamo e pubblichiamo)

🔴🔵

Se vi piace ciò che facciamo suggerite ai vostri amici di seguirci e di rimanere sempre aggiornati mettendo il classico Like sulla nostra pagina, raggiungibile su
http://www.facebook.com/gcportualivoltri

SAN GENNARO CI CONCEDE LA GRAZIAÈ stato un pari meritato, ma che sa di mezzo miracolo perché ottenuto in 10 uomini per…

Publiée par Genoa Club Portuali Voltri sur Dimanche 7 avril 2019

Accetta i statistics, marketing per visualizzare questo contenuto.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.