Chiappino: «Rigore assurdo contro di noi, ma non dovevamo innervosirci»

Il tecnico del Genoa soddisfatto solo a metà della prestazione contro l'Atalanta

1571
Chiappino Genoa Primavera
Mister Luca Chiappino (foto Facebook di Ascoli Calcio 1898)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Abbiamo subito un rigore assurdo, ma non dovevamo innervosirci: dovevamo continuare a giocare». Ai microfoni di Pianetagenoa1893.net Luca Chiappino spiega di essere soddisfatto solo a metà della prestazione dei suoi ragazzi contro l’Atalanta molto forte e che ha vinto 2-1: resta purtroppo per il tecnico del Genoa l’amarezza per non aver cercato con più insistenza un risultato positivo che sarebbe stato comunque meritato.

Si poteva forse fare di più contro un’Atalanta forte, ma non devastante?

«Nel primo tempo abbiamo fatto noi in parte la gara. Abbiamo meritamente pareggiato e abbiamo concluso in parità. Nella ripresa avevamo cominciato bene».

E poi?

«Purtroppo ci è arrivato contro un rigore assurdo. I ragazzi si sono innervositi: capisco questa reazione, ma dovevano continuare a giocare».

Si è visto un grande Kallon a sprazzi: però lei gli ha chiesto ripetutamente di entrare di più nell’area avversaria 

«Esatto: dovevamo essere più incisivi. Con due attaccanti di qualità come Estrella e Kallon non possiamo fermarci e non creare pericoli agli avversari. Ripeto: quando abbiamo degli episodi contro, la squadra deve restare unita e continuare a giocare».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.