Chiappino: «Contento per la vittoria, oggi era importante non perdere»

Il tecnico della Primavera rossoblù sulla questione Covid: «Siamo controllati, seguiamo un protocollo e fortunatamente è andato tutto bene. Dispiaciuti per la prima squadra, spero che il nostro risultato possa distrarli almeno per qualche ora da quello che stanno vivendo»

967
Chiappino Genoa Primavera
Mister Luca Chiappino (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

È il Genoa di mister Chiappino ad aggiudicarsi il Derby della Lanterna. Una vittoria, arrivata non senza fatica, grazie alla rete di Cleonise nel secondo tempo, che regala ai rossoblù i primi tre punti stagionali, oltre che un’importante dose di fiducia dopo un avvio complicato. Al termine della sfida del Begato 9, il tecnico della Primavera genoana ha parlato ai microfoni di Pianetagenoa1893.net:

 

Una vittoria importante, sofferta, ma fortemente voluta e conquistata. Cosa può dire della prestazione offerta dai suoi ragazzi?

 

«I ragazzi hanno fatto quello che gli abbiamo chiesto di fare. Sono stati generosi nel modo di tenere il campo. Ci eravamo detti che era importante fare un risultato e possibilmente uscire dal campo col risultato pieno. Hanno lottato, abbiamo avuto il vantaggio dell’uomo in più che non abbiamo sfruttato pienamente per diversi minuti della gara, ma dalla fine del primo tempo in poi abbiamo preso bene il campo. Abbiamo sbagliato qualche passaggio di troppo, rischiato un paio di contropiedi, ma va bene così. Prendiamo come aspetto positivo il carattere e la voglia di fare risultato, ma c’è ancora moltissimo da lavorare».

 

La gara di oggi ha dimostrato come si trovi a suo agio a giocare contro la Sampdoria. Infatti, nelle nelle gare contro la Sampdoria ha quasi sempre portato a casa un risultato positivo, collezionando quattro vittorie, tre pareggi e quattro sconfitte. 

 

«Questa cosa non la sapevo. Per noi era importante non perdere oggi perchè ci saremmo staccati un po’ troppo e la prossima partita l’avremmo affrontata con un aspetto emotivo abbastanza pericolo. Così, invece, abbiamo preso una boccata d’ossigeno che ci permette di fare la settimana di sosta in maniera mirata, preparandoci per la gara contro l’Inter. Poi il derby, che giochi bene o male, l’importante è vincerlo. Poi nella situazione spiacevole in cui ci troviamo noi, quella che sta vivendo la prima squadra, aver vinto una gara del genere contro la Sampdoria può dare soddisfazione ai nostri dirigenti».

 

In una settimana non facile per il Genoa, visti i numerosi casi di Covid, volevo chiederle: qual è il clima in casa Primavera?

 

«Noi fortunatamente siamo controllati, seguiamo un protocollo e fortunatamente è andato tutto bene per tutti i componenti della rosa e dello staff. Perciò noi dobbiamo cercare di non farci tirare dentro a livello emotivo, però dispiace per quello che la nostra prima squadra sta attraversando. E’ una situazione difficile, non facile da gestire. Spero che il nostro risultato possa dare ai nostri dirigenti una boccata d’ossigeno, non far loro pensare almeno per qualche ora a ciò che stanno vivendo».

 

Ora riposo, poi la complicata trasferta di Milano contro l’Inter

 

«L’inter è sempre una squadra complicata, pericolosa e forse la migliore di questo campionato. Noi, dopo il risultato maturato oggi, ce la andremo a giocare con più serenità. Ci prepariamo al meglio. Avremo due settimane in più di lavoro sulle gambe, perchè fino ad ora la nostra condizione è stata diversa rispetto a Spal, Roma, Sampdoria e Inter che hanno iniziato prima di noi. Adesso piano piano anche noi raggiungeremo una condizione ottimale, perciò anche da quel punto di vista lì possiamo spendere un po’ di più».

 

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.