C’è un Allegretti anche nell’Inter?

Domenica sarà una giornata campale tanto per il Genoa quanto per la Fiorentina

2492
Nord Genoa Allegretti
La gradinata Nord (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Riccardo Allegretti è una figura entrata di traverso nella storia del Grifone. Realizzò su punizione l’1-1 in un vecchio Piacenza-Triestina, risultato che, legato simultaneamente allo 0-0 tra Genoa e Napoli, conferì la promozione aritmetica alle ex gemellate. Un Ferraris in festa, una Genova mai così abbracciata al golfo partenopeo. Sono passati dodici anni dal gol di Allegretti e il Genoa, in compagnia con la Fiorentina, ne cercano un secondo. Che per Preziosi sarebbe un terzo regalo, vista la promozione in A col Como suggellata proprio dal centravanti formatosi nel Milan di Capello.

C’è un Allegretti anche nell’Inter? C’è un giocatore nerazzurro capace di ribaltare dall’esterno il destino del Genoa, che pare segnato dopo la vittoria dell’Empoli sul Torino? L’utopia solletica il pragmatismo. Domenica sarà una giornata campale tanto per i rossoblù quanto per la Viola. E sarà come tornare indietro di dodici anni, quando gli smartphone non imperavano e la videocamera era semplicemente gli occhi e la memoria di chi c’era. Radioline all’orecchio per seguire la cronaca dal Garilli di Piacenza; refresh di pagina per aggiornare il live dal Meazza. E’ l’evoluzione dei tempi che racconta il calcio in forme diverse trasmettendo lo stesso senso di sofferenza.

Sofferenza, appunto: una parola che fa rima con pazienza. Quella che da tempo ha perso la maggioranza del popolo del Genoa nei confronti di Preziosi. Impazienza e rabbia che ha portato a smarrimento, rinunce dolorose, contestazioni. Eppure tutto riniziò dal gol di Allegretti che spinse in A la cavalcata rossoblù guidata da Gasperini facendo dimenticare la C1 e gli strascichi giudiziari col Venezia. Dodici anni dopo il Genoa cerca l’impresa al Franchi, uno stadio che si può definire maledetto per i colori rossoblù, con la speranza che giungano buone notizie da Milano. Laddove il gol di un Allegretti qualsiasi potrà far raccontare tutt’altra storia.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.