Cassata: «Dedico il gol alla mia fidanzata»

Gesto d'amore del centrocampista del Genoa: «Mi ha sostenuto nei momenti più belli e in quelli più brutti»

1094
Cassata Genoa
Cassata esulta dopo il gol alla Lazio (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Dedico il gol alla mia fidanzata, che mi ha sostenuto nei momenti più belli e in quelli più brutti». E’ un bel gesto d’amore quello di Francesco Cassata verso la sua dolce metà per aver segnato il primo gol contro la Lazio: un’autentico missile che ha centrato la rete avversaria, fulminando Strakosha. E ha un gesto d’affetto anche per i tifosi del Genoa: «I fischi erano per invitarci a fare meglio. Credo che ora ci siamo calati al meglio nella mentalità della squadra che deve lottare per la salvezza. Con le prestazioni che stiamo facendo e con l’aiuto del mister riusciremo a uscire da questa difficile situazione».

Il centrocampista passa poi a parlare dell’influenza del Coronavirus sul campionato e soprattutto sulla lotta per la permanenza in serie A: «Si troverà una soluzione per chiudere il campionato nel miglior modo possibile». Sul rischio che possa falsare il campionato: «Il rischio c’è, però sono sicuro che facendo ottime prestazioni non avremo problemi».

PROTESTE – «Quelle più pesanti sono state in occasione della punizione della Lazio che ha portato al terzo gol. La barriera era troppo distante dalla palla, però l’arbitro aveva la sua opinione, purtroppo è andata così».

RIGORE ANCHE IN PRECEDENZA PER IL GENOA – «Gli episodi non li ho ancora rivisti e poi con calma li rivedremo. Comunque, ci sono 24 telecamere, più di quattro arbitri che prendono le decisioni, mi sembra quasi impossibile che possano sbagliare».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.