Buona la tradizione casalinga del Genoa in casa col Sassuolo

Grifone vittorioso in quattro occasioni su sette precedenti: 2-1 nello scorso campionato nella partita d'esordio di Nicola sulla panchina rossoblù

215
Il gol di Pandev al Sassuolo (Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il bilancio del Genoa nei confronti casalinghi col Sassuolo si può considerare favorevole. Nei 7 precedenti disputati al Ferraris, infatti, si sono registrate 4 vittorie rossoblù, una neroverde e 2 pareggi. Il computo delle reti vede avanti il Grifone per 11 a 7.

L’ultimo confronto risale al 5 gennaio 2020 (18a giornata): Davide Nicola esordisce sulla panchina del Genoa (rinforzato con gli arrivi di Perin, Sturaro e Behrami) da penultimo in classifica al posto dell’esonerato Thiago Motta con una vittoria essenziale. Un rigore di Criscito al 29′ (fallo su Sanabria) porta in vantaggio il Genoa, il Sassuolo però reagisce e al 33′ l’ex doriano Obiang, complice una deviazione, pareggia i conti. Nella ripresa gli ospiti trovano anche il vantaggio con Djuricic ma il Var rileva un fallo di mano e annulla. All’86’ contropiede fulmineo del Genoa con Pandev che, sfruttando un rimpallo col portiere, di testa cadendo mette nel sacco la rete del definitivo 2-1 (CLICCA QUI PER VEDERE LE IMMAGINI).

In parità il penultimo confronto del 3 febbraio 2019 (22a giornata): 1-1 il risultato finale con vantaggio emiliano al 28′ con Djuricic e pareggio di Sanabria al 41′.

Il primo incrocio è datato 6 gennaio 2014, valevole per la 18a giornata del campionato 2013/2014. Vittoria netta per 2-0 del Genoa archiviata fin dal primo tempo grazie al rigore di Gilardino al 28’ e alla bella conclusione al volo di Bertolacci al 45’. Nel secondo tempo il Grifone amministra il 2-0 sfiorando il tris in più occasioni: quella più ghiotta all’89’ quando, sempre il centravanti, si fa parare un altro rigore dal portiere emiliano Pegolo. Il Genoa ritrova la vittoria dopo un digiuno di cinque giornate.

Il secondo confronto risale al 18 gennaio 2015 (19a giornata). Un pirotecnico 3-3 con il Grifone sotto tre volte ma capace sempre di reagire. Protagonisti Lestienne (autore del veniale fallo costato il rigore dell’1-0 ospite siglato da Berardi al 19’ ma anche di due pregevoli assist per le belle reti di Iago Falque al 25’ e Fetfazidis al 53’) e lo stesso Fetfazidis (autore anche del rigore del definitivo 3-3 al 92’). Le altre reti del Sassuolo portano la firma di Missiroli al 50’ e ancora di Berardi al 69’ abile a sfruttare un’ingenuità di Izzo. 

La terza sfida è del 22 novembre 2015. Il Genoa domina nel primo tempo e sfiora più volte il vantaggio. Al 41’ una doppia espulsione: più che giusta quella per Berardi per un fallaccio su Ansaldi e assurda quella per Perotti reo di essere semplicemente andato “a muso duro” a rimproverare lo stesso Berardi… Nella ripresa, ad ogni modo, il Grifone legittima la supremazia con il primo gol in Italia di Tomas Rincon al 51’. Nel recupero succede di tutto: pareggio in mischia di Acerbi al 93’ e zuccata vincente di Pavoletti su lancio di Cissokho dalla trequarti al 95’. Per il Genoa si tratterà dell’ultima vittoria prima di un periodo nero (5 sconfitte in campionato e una in coppa Italia) che terminerà solo il 10 gennaio con la vittoria a Bergamo.

Il quarto incrocio risale al 5 febbraio 2017 (23a giornata). Il Genoa di Juric è in crisi (2 punti conquistate nelle precedenti 7 partite) e contro il Sassuolo cerca la vittoria del rilancio. Finisce invece 1-0 per gli emiliani (Pellegrini al 24’) con i rossoblu fischiatissimi dopo una prestazione molto opaca (Grifone pericoloso solo con una traversa colpita da Gentiletti).

Il quinto confronto è datato 6 gennaio 2018 (20a giornata, 1a di ritorno). Il Genoa di Ballardini trova 3 punti preziosissimi in chiave salvezza grazie all’1-0 firmato da Galabinov con una preciso colpo di testa all’80’. Partita scialba e con poche emozioni: solo l’ex Matri prova a spaventare il Grifone prima della rete del bulgaro dapprima impegnando Perin in una strepitosa parata ravvicinata e poi colpendo la base del palo con un colpo di testa.

Francesco Patrone

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.