Braglia: «Una volta si giocava per la maglia, adesso un po’ meno»

L'ex rossoblù a TMW durante "Gli eroi di Anfield Road" al Museo: «Quando sono a Genova mi tornano in mente tutti i ricordi e le emozioni di quell'epoca»

451
Braglia Skuhravy Genoa
Simone Braglia e Thomas Skuhravy al Museo del Genoa
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Quando mi muovo da Como per venire a Genova mi tornano in mente tutti i ricordi e le emozioni di quell’epoca». Ai microfoni di Tuttomercatoweb.com, Simone Braglia ha raccontato quella vittoria indimenticabile del 1992 contro il Liverpool durante l’happening “Gli eroi di Anfield Road” organizzato al Museo del Genoa: presente anche Thomas Skuhravy, il centravanti idolo dei tifosi. L’ex portierone rossoblù, uno dei protagonisti di quella notte memorabile, prosegue: «Mi ricordo una grande notte per il sottoscritto ma soprattutto per tutto il Genoa. Vincere in quello stadio e in quella bolgia non era sicuramente facile. Quella squadra aveva dei grandi valori dal punto di vista umano e una grande persona come Osvaldo Bagnoli. Oggi tutte le volte che vengo a Genova mi ritornano tutte le emozioni e l’entusiasmo di quei tempi. Anche adesso sono abbastanza emozionato».

Braglia ha parlato anche del Genoa di oggi: «Tante volte non riesce a rispecchiare la passione e l’entusiasmo dei tifosi. Una volta si giocava per la maglia, adesso un po’ meno».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.