Braglia: «Radu ha fatto bene a restare al Genoa, non è pronto per sostituire Handanovic»

L'eroe di Anfield Road a Calciomercato.com: «Gli auguro un grande avvenire ma credo anche che sia prematuro dare un giudizio su un giocatore che ha alle spalle 20 presenze in Serie B e una sola stagione da titolare in A»

884
Radu
Il volo plastico di Radu (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Dico che è ancora presto per darne una valutazione definitiva». Ai microfoni di Calciomercato.com, Simone Braglia si dimostra molto prudente sulle qualità del portiere del Genoa. L’eroe di Anfield Road spiega chiaramente: «Sento che da più parti lo si considera come un giocatore del grande avvenire. Io ovviamente glielo auguro ma credo anche che sia prematuro dare un giudizio su un giocatore che ha alle spalle 20 presenze in Serie B e una sola stagione da titolare in A, e neanche giocata per intero. Prima di capire l’effettivo valore di un calciatore questo deve aver disputato diverse stagioni ad alti livelli, a maggior ragione in un ruolo delicato come il portiere. È un discorso generale, non riferito al solo Radu». Dunque, il rumeno ha fatto bene a restare al Grifone: «Certamente. Anche perché al momento attuale il suo valore non è minimamente paragonabile a quello di Handanovic. La permanenza in rossoblù non può fargli altro che bene. A patto però che lavori molto sulle diverse lacune che ancora ha, anche a livello fisico».

L’ex portiere rossoblù degli anni ’90 promuove il mercato svolto dal club più antico d’Italia: «Altamente positivo. Credo che siano stati acquistati i giocatori giusti da mettere al posto giusto. E ciò ovviamente lascia ben sperare. Tuttavia il vero dubbio è capire se questa squadra rimarrà tale fino a giugno oppure se come al solito verrà smantellata strada facendo, durante il mercato di gennaio. Se questo per una volta non avverrà sono certo che i tifosi potranno finalmente godersi un’annata piena di soddisfazioni e più rilassante rispetto agli ultimi tempi».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.