Braglia: «Programmazione uguale risultati, altrimenti è solo improvvisazione»

«I presidenti devono avere più rispetto dei ruoli» spiega l'ex portiere del Genoa

650
Braglia Genoa
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto durante la trasmissione “Maracanà”, di TMW Radio, Simone Braglia è tornato siul tema portieri italiani: «Donnarumma o Meret? Scelgo Gigi, non ho dubbi: ha già dimostrato di essere un talento nel ruolo mentre Alex è alla sua prima stagione intera nel Napoli».

«Giovani predestinati? Andiamoci piano, ci vuole più naturalezza e meno enfasi mediatica. Se il talento c’è va dimostrato di partita in partita, di anno in anno» spiega l’ex portiere del Genoa.

«I risultati non vengono dall’improvvisazione ma dalla programmazione e dal rispetto dei ruoli. A Napoli, come in altre società, sento solo parlare il presidente Aurelio De Laurentiis, forte del potere d’investimento. Non si possono mettere in discussione gli allenatori dopo quattro o cinque giornate» chiosa Braglia.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.