Ballardini: «La Juventus si affronta con personalità e con l’essere squadra»

Il tecnico del Genoa: «Destro e Scamacca ancora insieme? Ancora non lo sappiamo»

606
Ballardini
Davide Ballardini (Foto da Genoa Channel)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Alla vigila del match con la Juventus in trasferta, Davide Ballardini ha espresso le sue opinioni ai microfoni di Genoa Channel.

Mister Ballardini il suo Genoa viaggia a 1,6 punti in media, ma in questo nove partite che mancano cosa ci vuole?

«Intanto, abbiamo sempre pensato alla partita che andiamo ad affrontare. Ci vuole tanta corsa, parlo di domani, tanta attenzione e tanta intensità ed essere sempre squadra in ogni momento della partita».

Si può dire quindi che il difficile per questa squadra venga ora, però questa squadra ha dimostrato di dare il meglio anche nelle difficoltà?

«E’ la verità, perché quello che è stato fatto, è stato fatto bene, ha un valore e ce lo teniamo: ma sappiamo benissimo che conta quello che faremo da qui in avanti».

Con la Juventus sono state già giocate due partite stagionali: la prima in un avvio molto difficile, la seconda dopo il suo arrivo in Coppa Italia è finita in pareggio e l’approdo ai supplementari fu uno degli acuti della vostra rimonta. Ora, cosa chiedete voi e i suoi giocatori a questa terza sfida e soprattutto a voi stessi?

«In quella partita si disse che, che avevamo oltre ai ragazzi che avevano giocato di più avevamo dietro dei ragazzi altrettanto capaci. Quella fu la conferma di chi giocava meno che le qualità dei giocatori che abbiamo nella rosa. Domani è un’altra partita, è tutto diverso: perché la Juventus ha motivazioni altissime, ma anche noi abbiamo motivazioni altissime, come ho detto prima bisognerà fare tantissimo, bisognerà correre per essere competitivi».

Lei ha parlato di questo scontro tra motivazioni: si sta parlando molto di cosa accadrebbe se la Juve non raggiungesse l’obiettivo Champions, come a cancellare almeno nelle chiacchiere della vigilia che anche il Genoa deve completare la sua miracolosa impresa e centrare l’obiettivo stagionale. Avvertite anche voi questo clima?

«E’ la verità. Loro hanno giustamente i loro obiettivi e vengono da una bella partita contro il Napoli: ci tengono particolarmente a portarli a buon fine. Anche noi abbiamo il nostro obiettivo: sarà una partita bella, tirata, agonisticamente e tatticamente sarà una gara piacevole».

A proposito del recupero di mercoledì sera contro il Napoli, lei pensa che possa aver tolto energie ai bianconeri o che al contrario sia servito a dare una scossa positiva al gruppo di Pirlo?

«Sono abituati a fare tante partite, poi hanno giocato mercoledì, ora si gioca di domenica, hanno avuto il tempo per recuperare. Hanno una rosa straordinaria, hanno giocatori di una qualità elevatissima. Non credo, anzi una partita come quella che hanno svolto contro il Napoli gli dà energia, consapevolezza. Sono certo che affronteremo una squadra in grande salute e con la consapevolezza di poter fare una buonissima partita».

Al termine della gara con la Fiorentina ha detto lei che la Juventus ha già sbagliato troppe gare in campionato, quindi sicuramente non sbaglierà più. Come si affronta una Juventus in “giornata sì”?

«La cosa che è naturalmente necessaria è quello che ho detto. Ripeto: tanta corsa, tanta attenzione, costantemente devi contrapporti da squadra in ogni momento della partita, e anche con tanta personalità perché la corsa, la squadra non bastano, bisogna avere anche personalità perché vai lì e devi, con la tua forza, la tua personalità e la tua generosità opporsi a loro».

Forse questo è il momento migliore della vostra coppia di centravanti, Destro e Scamacca: nell’ultima gara sono sembrati molto in sintonia. E’ possibile rivedere quella soluzione in attacco?

«Adesso ancora non lo sappiamo. Certo è che abbiamo degli attaccanti bravi che hanno caratteristiche diverse l’uno dall’altro: però siamo davvero contenti, perché poi gioca uno, mi riferisco a Destro, e fa bene, poi gioca Scamacca e fa bene, gioca Pandev e fa bene, come Shomurodov. Abbiamo la fortuna di avere tanti ragazzi capaci».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.