Ballardini: «Dopo il lockdown è un altro Milan, prima non ne azzeccavano una»

«Il rendimento migliore in trasferta dei nostri avversari forse dipende dall'atteggiamento degli avversari»

906
Ballardini Genoa
Mister Ballardini in conferenza stampa (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Il Milan va affrontato al meglio da squadra, talvolta non basta nemmeno disputare una grande partita. L’assenza di Ibrahimovic non sarà un handicap per i rossoneri: la partita di San Siro prima del lockdown racconta tutta un’altra storia, il Milan era in procinto di cambiare tutto poiché non ne azzeccavano una. Dopo la ripresa è un altro Milan». Esordisce con queste parole Davide Ballardini in conferenza stampa a Villa Rostan.

«Il rendimento migliore in trasferta dei nostri avversari forse dipende dall’atteggiamento degli avversari. Hanno sempre disputato grandi partite in casa e fuori. Differenza di rose? Ci sono pro e contro, avere una rosa più ristretta aiuta a coinvolgere meglio gli uomini. Adesso pensiamo al Milan e non al Benevento, una partita alla volta» chiosa Ballardini.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.