Ballardini a DAZN: «Bella partita, ma siamo dispiaciuti per il risultato»

Il tecnico: «Destro? Ha qualità non comuni e un forte killer instinct. Complimenti per quello che sta facendo»

956
Ballardini Genoa
Mister Ballardini (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine della sfida di San Siro, che ha visto il Milan conquistare i tre punti grazie al risultato di 2-1 contro il Genoa, il tecnico della formazione rossoblù, Davide Ballardini, ha parlato ai microfoni di DAZN:

«Siamo tutti molto dispiaciuti, ma pieni perchè abbiamo fatto una bella partita. Sappiamo che per fare dei punti, devi fare di queste partite».

E’ soddisfatto della prestazione o c’è rammarico per non aver portato a casa manco un punto?

«Il Genoa era da un po’ che non faceva una partita di così grande attenzione e generosità contro una grande squadra. E’ stata fatta una bella partita e c’è un po’ di dispiacere. Ma c’è anche la voglia di fare bene la prossima gara. Abbiamo la possibilità di fare delle ottime partite».

Sulla possibilità in futuro di vedere due trequartisti sotto una prima punta fin dall’inizio.

«Noi abbiamo dieci difensori di cui  sei o sette centrali. Oggi non avevamo terzini. Infatti avevamo Goldaniga da una parte e Masiello dall’altra. Zappacosta non c’era, l’unico di ruolo in una difesa a quattro era Ghiglione. A sinistra ha giocato Cassata, quindi noi abbiamo dei giocatori di qualità davanti, ma sai bene che le squadre, per come vengono costruite e per le qualità dei giocatori che hai in rosa, devi trovare un giusto equilibro e compattezza esaltando le qualità di ognuno. La squadra è stata costruita per giocare con due attaccanti».

Sulla stagione di Destro.

«E’ merito su, perchè si allena molto bene e ci tiene. Fa una vita giusta, vuole fare bene e da come si comporta dentro e fuori dal campo vedi che è sempre coinvolto. Poi ha delle qualità che non sono comuni. Ha l’istinto del killer sotto la porta. Complimenti a lui».

Sulle scoperte positive di Cassata, Goldaniga e Radovanovic.

«Questo grazie alla serietà di tutti, Il Genoa ha la fortuna di avere la rosa abbastanza ampia, ma c’è grande coinvolgimento e serietà quotidiana. Quindi per un allenatore non è facile. I ragazzi però ti danno una mano, perchè s’impegnano a prescindere dal fatto che giochino o meno. Vogliono sempre fare bene».

Sulla sicura conferma per la prossima stagione.

«Questo non è vero – ammette Ballardini – Ora il Genoa deve fare bene da qui alla fine. Poi vedremo quello che succederà. Noi però abbiamo un obiettivo chiaro ed è a quello che pensiamo. Poi valuteremo una volta raggiunto».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.