ARPAL: prolungata l’allerta meteo in Liguria

L'aggiornamento sul maltempo sulla nostra regione. Allerta Rossa nelle zone di Genova e Savona oltre che in Valbormida fino alle 6 di domani

3573

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un’intensa fase prefrontale con precipitazioni copiose e criticità idrologiche ha interessato, per molte ore,  l’entroterra savonese e la Valle Stura. Dal pomeriggio tutta la regione sarà coinvolta dal passaggio del fronte perturbato vero e proprio con rovesci, temporali e colpi di vento particolarmente intensi e ai quali prestare la massima attenzione .

Alla luce della situazione in atto e delle ultime uscite modellistiche Arpal ha RIMODULATO L’ALLERTA METEO PER TEMPORALI E  PIOGGE DIFFUSE. Questi i dettagli:

ZONA A(PONENTE):, ARANCIONE sui bacini piccoli e medi FINO ALLA MEZZANOTTE DI OGGI, LUNEDI’ 4 OTTOBRE .

Per i bacini grandi GIALLA fino ALLA MEZZANOTTE DI  OGGI

ZONE B ( CENTRO REGIONE ) : ROSSA sui bacini piccoli e medi FINO ALLE 6 DI DOMANI, MARTEDI’ 5 OTTOBRE poi GIALLA fino alle 15.00 (nella zona B non insistono bacini grandi)

ZONE C (LEVANTE): ARANCIONE su tutti i bacini FINO ALLE 13 DI DOMANI MARTEDI’ 5 OTTOBRE poi GIALLA fino alle 15.00

ZONE D(VERSANTI PADANI DI PONENTE): ROSSA sui bacini piccoli e medi FINO ALLE 6.00 DI DOMANI MARTEDI’ 5, poi GIALLA fino alle 15.

Per i bacini grandi, ARANCIONE FINO ALLE 6.00 DI DOMANI, poi GIALLA FINO ALLE 15.00

ZONA E (ENTROTERRA DI LEVANTE): ARANCIONE su tutti i bacini FINO ALLE 8 DI DOMANI MARTEDI’ 5 OTTOBRE poi GIALLA fino alle 15.00

Nelle prossime ore è atteso sulla Liguria l’intenso sistema perturbato che i modelli previsionali hanno individuato già giorni fa. A precederlo una corposa fase prefrontale che ha interessato l’entroterra savonese e la Valle Stura e determinata dalla convergenza tra venti di scirocco molto umidi e un debole flusso settentrionale più fresco e secco.

Le precipitazioni, esaltate anche dall’orografia, hanno insistito sulla stessa zona per diverse ore con cumulate molto elevate: alle 12.30 le cumulate nelle ultime 12 ore vedono Montenotte Inferiore con 550.4 millimetri (145.2 in un’ora), Rossiglione con 520.4 millimetri (91.4 in un’ora), Sassello con 352.6 millimetri (84.0 in un’ora), Mallare con 245.4 (97.4 in un’ora).

I fenomeni hanno ha avuto riscontro nelle risposte dei corsi d’acqua: i livelli idrometrici nelle sezioni strumentate delle zone D e B hanno evidenziato innalzamenti repentini e superamenti anche della seconda soglia di guardia, in particolare per quel che riguarda il Letimbro a Santuario di Savona. la Bormida di Spigno a Ferrania (Cairo Montenotte); vicino al secondo livello di guardia la Bormida di Pallare a Carcare, e la Bormida di Spigno a Piana Crixia.

Ora è atteso il transito sulla nostra regione, dal pomeriggio, dell’area di bassa pressione denominata “Christian”*: si tratterà di un passaggio molto lento, che coinvolgerà la Liguria da Ponente a Levante, con piogge che saranno più diffuse rispetto ai fenomeni localizzati della mattinata, ma sempre forti e con temporali ancora intensi.

Saranno possibili anche grandinate e colpi di vento molto forti; non si esclude che si possano verificare fenomeni di “downburst”.

Ecco, dunque, il dettaglio dei fenomeni previsti per oggi, domani e dopodomani, contenuti nell’AVVISO METEOROLOGICO emesso dal Centro Funzionale Meteo Idrologico Arpal:

OGGI, lunedì 4 ottobre 2021: il transito di un intenso sistema frontale determina precipitazioni fino a molto forti, anche a carattere di rovescio o temporale, più insistenti sul Centro-Ponente della regione. Cumulate fino ad elevate su tutte le zone, intensità fino a molto forti. Alta probabilità di temporali forti, organizzati e persistenti su ABD e dalla sera anche su CE. Venti forti meridionali, fino a burrasca su BE, raffiche intense possibili in corrispondenza dei temporali. Mare in aumento ovunque, con mareggiate su C specie dalla serata.

DOMANI, martedì 5 ottobre 2021:  graduale allontanamento del sistema frontale con residuo maltempo in particolare sul Levante. Piogge diffuse su CE con alta la probabilità di temporali forti fino alle ore centrali, anche persistenti su C fino al mattino. Residua instabilità altrove con bassa probabilità di temporali forti. Venti forti da Sud-Ovest su BD, anche di burrasca su ACE con ulteriore intensificazione dal pomeriggio. Mare agitato o localmente molto agitato, con mareggiate di libeccio su AB, anche intense su C con possibile moto ondoso incrociato al mattino.

DOPODOMANI, mercoledì 6 ottobre 2021: l’avvicinamento di una nuova perturbazione da Nord-Ovest determina un aumento dell’instabilità sul Centro-Levante, con bassa probabilità di temporali forti (possibili allagamenti localizzati ad opera dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche o di piccoli canali/rii. Possibili danni puntuali per isolate raffiche di vento o trombe d’aria, grandine e fulmini, piccoli smottamenti. La protezione civile ricorda di osservare le opportune norme di autoprotezione). Venti settentrionali in rinforzo su ABD con raffiche più intense dalla sera.

*nome assegnato dall’Università di Berlino, l’unico ente titolato in Europa a dare i nomi alle basse pressioni. Tale depressione risente degli effetti dell’uragano Sem, che ha attraversato l’Atlantico puntando verso il nord Europa.

Questa la suddivisione in zone del territorio regionale:

  • A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa
  • B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno
  • C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Val Fontanabuona e Valle Sturla
  • D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida
  • E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta.

In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul sito https://allertaliguria.regione.liguria.it, inviato anche tramite Twitter (segui @ARPALiguria).

Nelle immagini la cartina che indica il massimo livello di allerta per ogni zona, la scansione oraria dell’allerta e la cartina con la distribuzione delle precipitazioni nelle ultime 12 ore aggiornata alle 12.30.

Andrea Lazzara – Arpal

Riceviamo e pubblichiamo

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.