GRIFO D’ATTACCO – Andreazzoli ha perso lo spogliatoio

Non ho apprezzato le sue parole sugli "undici Radovanovic" pronunciate dopo il Bologna

8061
Agudelo Thiago Motta Andreazzoli Preziosi oscar Criscito Genoa Var Prandelli Nuti Juric Ponte Morandi Genoa Piatek
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La crisi del Genoa di Andreazzoli è tangibile, ben oltre il 4-0 incassato a Roma contro la Lazio. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, direttore artistico e responsabile dello sport di Antennablu, nella 140ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Partiamo dal responso del campo: la Lazio ha dominato il Grifone. «Il Genoa è rimasto fermo al finale della partita con l’Atalanta. La squadra è involuta e ormai non risponde più agli stimoli dell’allenatore. Perché rinunciare a Zapata, Pinamonti (dopo le belle parole del ct Mancini) e Schöne? Confusione nelle scelte tecniche e confusione organizzativa: la Lazio arrivava al tiro con una facilità incredibile. L’emblema è il quarto gol: Luiz Felipe ha percorso indisturbato trenta metri palla al piede dalla sua area».

Non si salva nessuno da questo 4-0? «No, tutti insufficienti a parte i subentrati. Il Genoa ha perso la partita su ogni fronte. Dal centrocampo che è stato spazzato via da Luis Alberto e Milinkovic-Savic, alla imprecisione sotto porta: il gol che ha sbagliato Sanabria è qualcosa d’incredibile. E poi la fase difensiva che fa acqua da tutte le parti. Mi sembra che Andreazzoli vada ancora per esperimenti dopo sei giornate di campionato il che non è rassicurante».

Preziosi riflette sul futuro di Andreazzoli. «Riavvolgiamo il nastro. La scelta è presidenziale quindi sarebbe opportuno che Preziosi si assumesse la relativa responsabilità Onori e oneri. E’ un altro esperimento fallito dopo il periodo d’oro di Gasperini. Del tecnico non ho apprezzato le parole sugli “undici Radovanovic” pronunciate dopo il Bologna: ha inflitto un duro colpo allo spogliatoio, perdendolo definitivamente».

Il tecnico merita l’esonero? «Le scelte vanno ponderate a freddo dimenticando in fretta la partita. Non faccio altri cognomi perché è irriguardoso nei confronti di Andreazzoli. Se esonero sarà, Preziosi dovrà tenere conto che questo Genoa è strutturato per giocare all’attacco. Infine rimarco le parole del presidente (“Mai più un anno così”) pronunciate dopo Firenze».

Voglio ricordare con sincero affetto Guido Martinelli, amico e collega per molti anni

Beppe Nuti | Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Clicca qui per leggere il precedente numero del Grifo D’Attacco

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.