Andreazzoli porta in copertina i gol delle mezz’ali

Il Grifone deve riconquistare buona parte del proprio pubblico, giusto che ci provi con un calcio d'identità

2081
Andreazzoli
Mister Andreazzoli (dalla pagina Facebook dell'Empoli)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Pare proprio che Aurelio Andreazzoli sarà la copertina del nuovo Genoa. Il club è in vendita ma l’iter di cessione richiede mesi di tempo e, soprattutto, al momento non sembrano esserci investitori concreti. Quindi la linea è dettata da Preziosi, mica da un fondo americano o un imprenditore del sud. Il Grifone deve essere riassemblato pezzo per pezzo dopo una stagione che ha annichilito le energie nervose di una piazza passionale. Mai più un girone di ritorno come quello del 2019, mai più così tanti errori e superficialità d’analisi: è ciò che chiedono i genoani.

Il nuovo Genoa, se ha imparato dal passato, dovrebbe nascere sotto due stelle polari: il pragmatismo e la fiducia. In dirigenza come in campo. Andreazzoli, da questo punto di vista, è una prima risposta positiva, un volto che viene dai campi terrosi della gavetta. Allenatore esperto, analista raffinato da quattordici anni di collaborazione tecnica con Spalletti, Luis Enrique, Zeman e Rudi Garcia. Morale: ricerca di un gioco propositivo contro ogni avversario. Il dna del calcio di Andreazzoli può piacere ai tifosi rossoblù, un pò meno la fase difensiva (70 gol subiti a Empoli, 37 dei quali a lui imputabili in 22 partite).

Il Grifone deve riconquistare buona parte del proprio pubblico, giusto che ci provi con un calcio d’identità e il coraggio delle idee. Senza scivolare in taluni tentativi scriteriati del recente passato. Andreazzoli sa giocare con la difesa a quattro ma anche con la linea a tre, come testimoniano gli ultimi mesi a Empoli. Però, a prescindere dal modulo, è l’aggressività delle mezz’ali il “segreto” del suo gioco poiché tutte, tranne Bennacer, hanno segnato almeno un gol in stagione: Krunic (5), Traorè (2), Acquah (2) e persino uno Brighi a trentotto anni. I gol dei centrocampisti mancano da troppi anni al Genoa e Andreazzoli può essere l’uomo giusto non solo per la copertina del nuovo Genoa.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.