Alfredo Parisi (Federsupporter): «I laziali in Gradinata Sud? Sono un pericoloso precedente»

Il presidente dell'associazione di tutela dei diritti dei tifosi: a Primocanale «Mi preoccupa l'atteggiamento del Prefetto e del Questore di Genova sulla vicenda»

1196
Alfredo Parisi, presidente di Federsupporter
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«E’ un pericoloso precedente? Sicuramente». Alfredo Parisi, presidente di Federsupporter (associazione di tutela dei diritti dei tifosi), in collegamento telefonico su Gradinata Nord su Primocanale, ha risposto così a una domanda di Graziano Cesari. «Sicuramente perché non capisco un fatto: una volta – racconta Parisi – eravamo invitati alle riunioni dell’Osservatorio, senza diritto di veto, ma con la possibilità di esprimerci. Una volta c’era dialettica, ora è tutto diverso: mi farebbe piacere capire quali sono gli strumenti in base ai quali hanno approfondito l’analisi per cui hanno eliminato la rischiosità di Roma-Lecce e di non prendere in esame la rischiosità di Genoa-Lazio».

Parisi prosegue: «Abbiamo scritto all’Osservatorio e alle società e domani riscriveremo. Nella lettera ho scritto che il Genoa e anche la Lazio, società ospitata, hanno le loro responsabilità. Ho letto un pezzo del Corriere della Sera dove si scrive che i club non avrebbero mezzi per evitare gli incidenti. Il che non è vero, poiché la società ospitante possiede i mezzi per poter aumentare la sicurezza nel proprio stadio. Inoltre, si espone sia la società che ospita che quella ospitante a responsabilità enormi: mi auguro che i responsabili dei rispettivi club stiano attenti al comportamento corretto delle tifoserie».

Federsupporter proverà ancora a insistere presso l’Organismo del Viminale: «Io e i miei colleghi continueremo a tempestare di email e di telefonate l’Osservatorio, il quale, nella sana dialettica istituzionale, si guarderà bene dal rispondere. Ho parlato a titolo informale con un ex membro dell’Osservatorio ed è rimasto anche lui a bocca aperta».

Parisi conclude: «Mi preoccupa l’atteggiamento del Prefetto e del Questore di Genova sulla vicenda». Finora le istituzioni cittadine non hanno espresso pareri ufficiali sulla vicenda della vendita dei biglietti di Gradinata Sud ai tifosi laziali che dovrebbero convivere con gli abbonati genoani: “Quer pasticciaccio brutto dello stadio Ferraris” per parafrasare il titolo di un celebre romanzo di Carlo Emilio Gadda.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.