777 Partners proporrà un ricorso per il Vasco da Gama e tratta per un accordo sui debiti dello Standard Liegi

Il club brasiliano ha chiesto ai giudici dello Stato di Rio de Janeiro di sospendere in via cautelare il contratto con il gruppo Usa. Si cerca una soluzione stragiudiziale per risolvere la situazione in Belgio

777 Partners

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

E’ un periodo tormentato per 777 Partners per una serie di vertenze. Il gruppo americano, proprietario in Italia del Genoa (dove la situazione economica è tranquilla) è in difficoltà per l’acquisto dell’Everton in Premier League. Inoltre, è chiamato in causa in 16 procedimenti giudiziari, in particolare negli Stati Uniti, come riporta Calcioefinanza.it. La società ha anche problemi in Brasile, dove detiene il 30% del Vasco da Gama: dovrà pagare una rata per fine settembre per incrementare la quota di controllo. A causa di ciò, il presidente del club brasiliano Pedrinho  ha chiesto alla Corte di Giustizia dello Stato di Rio de Janeiro la sospensione in via cautelare del contratto tra 777 partners e il Vasco da Gama: in questo modo ha bloccato anche il consiglio di amministrazione, in cui ci sono Josh Wander, Steve Pasko, Andres Blazquez e Don Dransfield (amministratore delegato del Football Group). La misura cautelare è stata richiesta per le notizie provenienti dagli Stati Uniti e per mettere al riparo il club brasiliano: ma 777 Partners, spiega Calcioefinanza.it, che non ha avuto possibilità di difesa, ha già annunciato un immediato ricorso contro la sospensione.

Sul fronte belga, è in atto un contenzioso con Bruno Venanzi, precedente proprietario dello Standard Liegi, a causa di alcuni debiti emersi dopo la cessione del club belga (e dello stadio) oltre al mancato pagamento da parte di 777 Partners di una rata da 3,5 milioni nei confronti dello stesso Venanzi. Per tutelare tutte le parti, i giudici hanno decretato il blocco dei beni e delle azioni di 777 Partners in Belgio. Venanzi e il gruppo americano stanno cercando di risolvere tutte le questioni aperte attraverso un accordo stragiudiziale: c’è fiducia per una conclusione positiva.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.