17 marzo 1996: il Genoa sul podio di Wembley, vittoria nella Coppa Anglo-Italiana

La squadra rossoblù, guidata da Gaetano Salvemini saliva i 39 gradini fino al Palco Reale dopo aver battuto 5-2 il Port Vale

384
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Oggi è una data importante nella storia ultracentenaria del Genoa. Infatti il 17 marzo 1996 la squadra rossoblù, guidata da Gaetano Salvemini (da poco subentrato all’esonerato Luigi Radice), saliva i 39 gradini fino al Palco Reale di Wembley dopo aver sconfitto il Port Vale nella finale della Coppa Anglo-Italiana.
Fu una gara senza storia, dominata dal Grifone che si impose nettamente 5-2: il primo tempo finì già con tre gol di scarto, grazie alle reti di Ruotolo, Galante e Montella. Nella ripresa ancora Ruotolo per due volte (storico hat-trick) ed inutile doppietta inglese con Martin Foyle.
Il Genoa fu protagonista due volte quella giornata: ultima squadra a vincere l’Anglo-Italiana (nelle 8 partite ufficiale non ha mai perso) ed ultima a calcare il prato di Wembley che da lì a poco sarebbe stato demolito per far sorgere la rinnovata struttura che c’è oggi.
Il trofeo fu dedicato alla memoria del compianto tifoso Vincenzo Claudio Spagnolo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.