Tutti i genoani in Nazionale

La graduatoria delle presenze è guidata da Renzo De Vecchi, che ha indossato 31 volte la maglia azzurra. In periodi più recenti è toccato a Borriello, Eranio e Ruotolo

38
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quei magnifici trentacinque. La storia del Genoa e della nazionale italiana si è intersecata parecchie volte, grazie a giocatori di profilo assoluto e di carisma impareggiabile. I ragazzi si ricorderanno solamente le apparizioni di Stefano Eranio (che debuttò a Cipro il 22 dicembre 1990, per totalizzare complessivamente otto presenze nell’arco della militanza rossoblu), Gennaro Ruotolo (in campo il 12 giugno 1991 contro la Danimarca) e Marco Borriello (in occasione di Italia – Belgio).

La graduatoria delle presenze è però guidata da Renzo De Vecchi, che, a partire da Italia – Ungheria del 1910, scese in campo con la casacca azzurra ben trentun volte. Dieci opportunità in meno ebbe Ottavio Barbieri, che visse i suoi anni d’oro tra il 1921 ed il 1930. In quegli anni, il nome del Grifone in nazionale era portato in alto anche dall’attaccante Felice Levratto.

Nomi storici, di un calcio che ormai è rimasto solo nella mente di chi ha potuto viverlo in prima persona. Presenze a doppia cifra in azzurro anche per Giovanni De Prà (19) e Luigi Burlando (15). Più staccati ma ugualmente indimenticabili, Mario Perazzolo (8), Guglielmo Brezzi (6), Augusto Bergamino (5) ed Emilio Santamaria (5). Impossibile citarli tutti e trentacinque; vale come auspicio indicare il trentaseiesimo: Salvatore Bocchetti.

Claudio Baffico

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.