Preziosi: «Lotteremo fino alla fine per entrare in Champions»

Il presidente del Genoa a tutto campo a Radio Kiss Kiss: «Gasperini ha tre anni di contratto e non è in discussione» Riguardo a Milito: «Spero possa rimanere a Genova, anche se nel calcio spesso le sirene sono molto forti»

26
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Enrico Preziosi ha parlato a tutto campo ai microfoni dell’emittente napoletana Radio Kiss Kiss. Riguardo alla Champions ha ribadito che «Lotteremo fino alla fine». E ha proseguito: «Gasperini resterà con noi anche in futuro. Milito? Spero possa rimanere a Genova».

Il presidente del Genoa è giustamente gasato per la vittoria ottenuta sabato al Sant’Elia. «La vittoria ottenuta su un campo non semplice come quello di Cagliari dimostra che abbiamo voglia di giocarci il quarto posto per rincorrere il sogno della Champions. E realizzare questo sogno sarebbe un vero e proprio miracolo visti gli obiettivi che ci eravamo posti ad inizio stagione». Il numero uno rossoblù ha però i piedi ben saldi a terra e sa bene che fino alla fine del campionato ogni partita sarà molto impegnativa. «Siamo felici di essere lassù – spiega Preziosi – ma sappiamo che ci sarà da lottare fino alla fine. Abbiamo speso milioni in campagna acquisti, siamo la quinta squadra per quanto riguarda gli ingaggi, mi aspettavo alla luce degli investimenti fatti di migliorare qualcosa rispetto alla scorsa stagione ma non mi aspettavo così tanto». E dà anche una valutazione delle due dirette concorrenti per la quarta poltrona per l’Europa: «Chi temo tra Roma e Fiorentina? Sono avversarie toste: ieri sera i viola hanno dimostrato di essere tonici, per quanto concerne la Roma non nascondo che mi avrebbe fatto piacere se fosse andata avanti in Champions in modo da trovarla più distratta in campionato».

Riguardo a Gasperson, ha ribadito che non esistono problemi: «Ha tre anni di contratto con il Genoa e non è in discussione l’accordo che abbiamo con lui». E conclude parlando del Principe dei goleador. «Milito? Se gli farà bene, giusta la convocazione nella Nazionale argentina. Il fatto che Maradona lo abbia chiamato puo’ essere importante per lui. E’ un calciatore fondamentale per noi e spero che si possa trovare un accordo per farlo restare con noi, anche se nel calcio spesso le sirene sono molto forti».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.