Primavera a Bardonecchia con un mister da ufficializzare

La rosa della Primavera del Genoa è stata rivoluzionata: restano i ragazzi del '99 mentre ne sono stati promossi alcuni dagli Allievi Nazionali

74
La Primavera del Genoa dopo il gol (foto di Gian Paolo Coppola)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La Primavera del Genoa riparte ufficialmente da Bardonecchia. Dopo due giorni al Gambino utili a chiarire la forma fisico-atletica dei ragazzi, i Grifoncini oggi saranno in ritiro in Val di Susa. Un ritiro che durerà fino al 2 agosto quando la comitiva lascerà gli impianti di Bardonecchia per spostarsi a Oulx, fino a metà agosto. Il Genoa è atteso a un anno importante essendo entrato nel campionato Elite di Primavera, cioè tra le migliori squadre italiane. Nel primo turno di Tim Cup, invece, è in programma ad Arenzano (o alla Sciorba) il derby ligure con lo Spezia; appuntamenti da non sbagliare.

Ufficialmente il Genoa non ha ancora comunicato il successore di Cristian Stellini. L’ex difensore del Bari inizia la sua carriera da capo allenatore tra i professionisti: a lui l’onore e l’onere di riportare in Serie B l’Alessandria, tifoseria tradizionalmente molto vicina ai colori rossoblù. In attesa del nuovo allenatore (il vice è Roberto Briata), diventa utile fare il punto della situazione della rosa del Genoa.

Sono usciti i ’98 mentre sono stati confermati per l’ultimo anno i ragazzi della leva 1999: Claudiu Micovschi, Massimo Tazzer, Alessio Rollandi, Michele Bruzzo, Gianni Palmese, Marco Silvestri e Davide Sibilia. É tornato alla Juventus per scadenza del prestito Gianmaria Zanandrea, difensore centrale che ha dato tanto al Genoa nella permanenza ligure. I portieri del Genoa saranno Rollandi e Bulgarelli, due ragazzi di cui molti preparatori ed ex del ruolo parlano bene: il primo si sta allenando regolarmente con Perin, Lamanna e Zima a Pegli.

Promossi dagli Allievi Nazionali Gabriele Gibilterra (ha come idolo El Shaarawy che emula anche nel look), Matteo Piccardo, Mattia Seno, Alessandro Trabacca e Flavio Bianchi, già aggregato da Stellini nella parte finale di stagione; dall’Under 17 di Chiappino passano direttamente in Serie D Simone Zola e Matteo Calcagno (Albissola). Inoltre è fatta per l’arrivo di Giorgio Altare dal Milan: potente difensore centrale nato a Bergamo – sostituirà Alex Coppola passato al Rende – che Montella aveva già convocato in prima squadra alla 37ª giornata di campionato.

Su Pellegri e Salcedo non ci sono ufficialità né sul loro futuro all’Inter né sull’impiego con la Primavera. Mister Juric li avrà a disposizione tutto l’anno e deciderà quando potranno dare una mano ai colleghi Grifoncini.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.