La Primavera saluterà domani un’annata da incorniciare

Venerdì amichevole col Monza, poi si penserà alla prossima stagione: tanti Under 17 sono pronti a fare il salto di qualità

56
La festa dei giovani rossoblù (foto di Gian Paolo Coppola)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al termine di un’annata stupenda, la Primavera del Genoa può salutare il 2016/17 a testa altissima. La scorsa settimana c’è stato il test contro il Novara, mentre venerdì i grifoncini saranno attesi dalla Berretti del Monza: la location sarà quella del Campo Gambino di Arenzano, l’avversaria di tutto livello (ha infatti vinto il campionato di Serie D tornando tra i professionisti). Sarà una bellissima occasione per salutarsi, per giocare ancora insieme e per chiudere la stagione appena trascorsa con serenità e orgoglio. Condotta dalla sapiente guida tecnica di Christian Stellini, la Primavera ha ottenuto il 5° posto nel girone, l’accesso agli spareggi per la Final Eight e la qualiticazione al campionato Elite 2017/18 insieme alle altre 15 migliori d’Italia.

Con un’occhio al passato, dunque, con la consapevolezza che quanto ottenuto è stato straordinario, ma anche con lo sguardo rivolto al futuro: come detto si apre un nuovo capitolo, e con esso qualcuno saluterà e altri arriveranno. Raul Asencio ad esempio non farà parte dei grifoncini ma verrà aggregato a qualche squadra per farlo confrontare a livelli più alti trovando continuità. E poi, naturalmente, l’Elite andrà mantenuta: evitare le ultime tre caselle della classifica sarebbe di fondamentale importanza per restare in una categoria importante. Per il resto, via al ricambio generazionale: confluiranno in Primavera tanti Under17 (usciti solo ai quarti di finale contro il Torino), membri di quella generazione che alla Manchester United Premier Cup 2015 si era laureata vice-campione del mondo senza mai perdere una sola partita nei tempi regolamentari.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.