Le pagelle di Genoa-Sion: Izzo migliore in campo, Lamanna e Rigoni decisivi

Il difensore napoletano in evidente condizione ottimale per il rientro. Doppietta di Luca Rigoni, Lamanna salva il Genoa in due occasioni

65
Armando Izzo in progressione (foto Genoa cfc Tanopress Genoa)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Una grande ripresa del Genoa piega il Sion, ben organizzato da mister Tramezzani. La squadra svizzera ha tenuto per più di un’ora di gioco ma alla fine ha perso i duelli sulle bande laterali del campo. Luca Rigoni subentra e sposta l’equilibrio in favore del Grifone. Ottimo anche Eugenio Lamanna con due splendidi interventi in uscita bassa frontale. Steccano i giovani Ricci e Salcedo.

Lamanna 6.5: salva il Genoa con due parate basse in avanzamento, molto coraggioso (63′ Zima 6: spezzone di partita senza sussulti, ordinaria amministrazione)

Izzo 7: il migliore in campo, puntuale nelle uscite con la palla, sempre pronto a creare superiorità numerica nelle zone alte del campo. Atleticamente pronto, ci siamo

Rossettini 6: la velocità di piedi non è il suo punto forte ma ci mette una pezza con il senso della posizione e il fisico (63′ Landre 6: mezz’ora ordinata con qualche guizzo in avanti che evidenzia prestanza fisica)

Gentiletti 5.5: il capitano non toccava campo dall’infortunio tecnico avuto contro la Lazio. Ha messo in difficoltà la difesa con due volte diagonali andate a vuoto

Lazovic 5.5: poco propositivo e pochi palloni precisi messi in area di rigore (63′ Rosi 6: ormai è lui il titolare della fascia destra del Genoa, bene nelle due fasi di gioco)

Bertolacci 6: è cresciuto con il passare dei minuti, sempre interessante vederlo con il pallone tra i piedi. Peccato per quel gol negato da Fickentscher nella ripresa

Brlek 5.5: prende qualche calcione dagli svizzeri, è ancora timido nel farsi dare la palla con un avversario che lo prende in marcatura (63′ Cofie 6: conquista la palla che porterà all’1-0, bene come sempre in interdizione)

Migliore 6: a dispetto del cognome, non è stato il migliore in campo. Qualche corsa e cross dal fondo, senza acuti

Salcedo 5.5: Juric lo prova come prima punta del tridente leggero, prestazione con poco contenuto (45′ Rigoni 6.5: due gol al Sion sono la migliore risposta al recente periodo complicato)

Taarabt 6.5: tecnicamente non si discute, anche oggi ha dato prova di essere di un altro livello (63′ Palladino 5.5: parentesi di partita che gli permette solo di scaldare i muscoli)

Ricci 5.5: a destra nel tridente, ha commesso alcuni errori tecnici davvero strani visto il suo alto livello qualitativo (45′ Centurion 6: un secondo tempo convincente per la presenza negli ultimi venti metri del campo, gli è mancato solo il gol)

Sion (4-3-3): Fickentscher 7 (89′ Fayulu sv); Angha 5.5, Ricardo 6, Lurati 6 (75′ Neitzke sv), Maceiras 5.5; Uçan 6, Ndoye 6 (63′ Pinga 5.5), Zock 5; Cunha 6.5 (75′ Karlen sv), Mboyo 5, Adryan 6 (89′ Medja Beloko sv).

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.