Lino Marmorato: Lucchese-Genoa 0 – 3. Silenzio parla Juric

L'opinione sul Genoa del giornalista di Radio Nostalgia

29
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Lucchese-Genoa 0 a 3 in gol Pavoletti, Pandev, Panagiotis. Bene fisicamente la squadra di Juric in tutti i componenti della rosa. Miglioramenti tecnici e tattici di partita in partita. Dopo gli incidenti a Lazovic e Ntcham cambia modulo il tecnico croato passando al 3 4 3 che continua a soffrire sulla corsia di destra.

Notiziario: serata calda 30° ad inizio gara , campo in buone condizioni una buca in occasione dell’assist gol a Pavoletti è costata a Gakpè una  fitta al ginocchio sinistro da valutare nella giornata di oggi. Lucchese 15 giorni in ritiro a Reggello , unica partita giocata contro il Reggello vinta per 14 a 1 , domenica  prossima amichevole con l’Empoli. Salvi lo scorso anno sul filo di lana nel campionato di Lega Prof girone B. Quest’anno rinforzato con Mingazzini del Bologna e Capuano Catania. In tribuna Fabrizio Preziosi e Milanetto. 1183 gli spettatori paganti di cui 59 rosso blu in gradinata e 39 in Tribuna.

Si preferisce raccontare con un sunto questa partita con le parole di Juric a fine partita.  Non è ancora come la pasta Barilla…la cottura della squadra è ancora al dente , alla fine potrebbe essere buona.

Partita vista dalla panchina: “Cose positive e meno belle. In qualche momento perdiamo ritmo di gioco quello che vogliamo fare e ci perdiamo. E’ comprensibile in questo momento della stagione. Fascia sinistra meglio della destra. Dobbiamo migliorare anche a sinistra essere più concreti mentre a destra eravamo partita con un’altra idea”.

Pandev: “Si allena bene, ha preso fiducia in se stesso,  il gol ne è la prova. Deve giocare in una squadra che attacca e non può fare il centravanti boa per far salire la squadra. Arriva da due stagioni non bene ma ogni volta che gioca dimostra di voler ritornare calciatore come era”.

Rincon: ”E’ cosa fatta , cose buone e non buone. Giocatore di grande dinamismo”.

Veloso: “Anche per lui è cosa fatta,  giocatore intelligente. Lo scorso anno a Crotone dicevano che non potevo far giocare Paro, anzi che non poteva più giocare. Che poteva giocare solamente nella tre invece ha giocato anche nella due. I giocatori intelligenti coprono pochi spazi con la corsa”.

Dopo infortuni di Ntcham Lazovic cambio modulo: ”E’ vero, mi piace cambiare anche in altre occasioni”.

Gakpè e Munoz: “ Il francese in ogni gara mi stupisce con una giocata anche se sembra assente: Speriamo che sia piccolo il guaio al ginocchio”. (Incontrato alla fine della gara Gakpè tranquillo camminava bene e non aveva l’arto gonfio). Munoz : “Ragazzo sfortunato bisogna dedicargli molta attenzione e fare un lavoro specifico per recuperarlo. Lo scorso anno ha sofferto molto”.

Positive anche le seconde linee: “Stanno tutti bene”, Cofie è migliorato. “Ogni fa la preparazione e dopo va via. Anche quest’anno era su questa strada. Anch’io non aveva fiducia invece di ha conquistato“.

Calciomercato: “Bisogna stare sereni, non avere ansia. Ho paura di sbagliare le richieste in questo momento per troppa fretta. Abbiamo le idee chiare e sappiamo dove intervenire ma non dobbiamo sbagliare gli innesti”.

Rincon e Pavoletti: “Ogni giorno dimostrano di stare bene e volere il Genoa. Se non arrivano triplicazioni d’ingaggi  o squadre con grandi obiettivi non si muoveranno, sono molto attaccati al Genoa“.

Tante altre considerazioni tattiche che ormai sono la Bibbia del croato: “Possesso e intensità. I miei devono andare sempre forte. Avere il pallone, riconquistarla appena la perdiamo. Il possesso sterile non mi piace: se rubiamo pallone alta dobbiamo castigare. Altrimenti girarla bene dietro”.

Il riassunto delle parole di Juric al termine della partita con la Lucchese sono la foto della gara giocata al Porta S.Elisa.

A buon intenditore, poche spiegazioni e commenti!

Lino Marmorato

TRATTO DA BUONCALCIOATUTTI

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.