Lino Marmorato – Genoa-Inter: San Giorgio protettore di Genova non sarà un martire al “Ferraris”

Secondo il direttore di Buoncalcioatutti la formazione contro l’Inter non cambierebbe per 9/11 rispetto a quella delle ultime 2 trasferte

46
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Quando il Biscione Inter, anche se non un drago, entrerà a fare il riscaldamento dovrà essere domato non solo da San Giorgio ma da tutto il Tempio rossoblu. Ad affrontarlo con audacia ci penseranno Ballardini e i ragazzi cercando di ferirlo sul piano del gioco, non buttando via il pallone, pressando giusto nel momento giusto (alto sarebbe meglio contro l’Inter), usando la testa più sgombra dei nerazzurri, soffrendo non solo dietro, nascondendo il pallone davanti, colpendo con idee mancanti in questo momento il team di Spalletti.

Il Genoa di Ballardini dopo aver ritrovato spirito e motivazione è alla ricerca di qualcosa di diverso rispetto alle altre prestazioni. Il materiale e il gruppo umano a disposizione di Ballardini sono buoni, e tutto è sempre confermato in qualsiasi conferenza stampa dal tecnico ravennate.

Il  Grifo dopo le prestazioni contro Lazio e Chievo in trasferta, anche contro l’Inter, tra le mura amiche, vorrà dimostrare estetica di gioco e velocità di esecuzione per cercare la via del tiro e del gol. Le due gare vinte non sono mai decollate per tutti i 90’ di gioco ma hanno dimostrato una buona organizzazione di giocoCLICCA QUI PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO SU BUONCALCIOATUTTI.IT

Lino Marmorato – Buoncalcioatutti

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.