Lino Marmorato – Buona Pasqua

L'opinione sul Genoa del giornalista di Radio Nostalgia

37

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Buona Pasqua. Sorprendete e lasciatevi sorprendere, diceva Don Cristiano Mauri. Dedicata al Vecchio Balordo e ai suoi tifosi!

Genoa Lazio 2 a 2. Spot per il calcio italiano. Una partita di livello europeo sulla scia di quelle dei campionati tedeschi e inglesi. Peccato sia stata rovinata da un arbitro non all’altezza. Grifoni da battimani contro una Lazio inviperita e lanciata verso l’Europa.

Applausi a Juric che in sei giorni ha portato in campo il compito più arduo, che non era quello tecnico o tattico, bensì quello di ritrovare il lavoro svolto nello spogliatoio dallo scorso luglio. Notiziario: nuvoloso con sprazzi di sole, 17° gradi la temperatura. Terreno in buone condizioni anche se i calciatori ormai dovrebbero sapere che dopo il riscaldamento viene abbondantememente bagnato e i tacchetti per la prima parte della gara se non lamellari servono poco. In tribuna solamente Zarbano e Donatelli, in panchina Fabrizio Preziosi. Tribuna centrale desolatamente vuota senza Preziosi e la componente femminile. Izzo in tribuna acclamato dai tifosi con selfie e autografi in compagnia di Taarabt e Cofie.

Striscioni alla rovescia nei distinti e nella sud. Coreografia nella Nord completamente nuda di striscioni e bandiere con fogli con scritta “vattene” ad inizio gara, solo un piccolo ricordo con “Ciao Gian” ad inizio ripresa. Nei distinti “Benvenuta Cecilia” e “Ciccio vive”. Spettatori paganti 1504 di cui 460 laziali nella gabbia.

Subito l’arbitro Maresca di Napoli si mostrava non pronto a dirigere in Serie A partite importanti. Al netto dei calci di rigori reclamati e visti solamente da Inzaghi e dai giornali del Sud, il napoletano ha diretto male, condizionato dalle continue proteste laziali…CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO SU BUONCALCIOATUTTI.IT

Lino Marmorato – Buoncalcioatutti.it

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.