GRIFO D’ATTACCO – Bonus finiti: fuori dalla palude

Pianetagenoa1893.net incontra Beppe Nuti, giornalista di Telenord

40
Genoa Lapadula Piatek Sandro
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il treno di Juric è deragliato. Il Genoa esce annichilito da cinque gol presi dalla peggiore squadra tra i cinque massimi campionati d’Europa. Uno scempio andato in onda a Pescara che ha acuito la distanza tra club e tifosi. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, giornalista di Telenord, nella 29ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Dopo il 5-0 subito dall’ultima in classifica è difficile parlare di calcio. La pagina più brutta della gestione Preziosi. I genoani, dagli Anni ’70 a oggi, ne hanno viste tante: ma come ieri, davvero poche. Il Grifone è stato preso a pallonate dalla squadra peggiore d’Europa, poteva finire ancora peggio, come una partita di tamburello. Zeman ha portato entusiasmo, vero, ma anche idee: a lui bastano poche ore e il risultato è il 2-0 sviluppato da palla inattiva“.

Il Genoa ha sbagliato la stagione sportiva? Sì, da giugno a gennaio sono state prese scelte sbagliate. A Juric vanno riconosciuti dei valori umani e un’intelligenza da uomo di calcio. Il suo vero Genoa si è visto all’inizio quando ha sfrutato il potenziale della rosa: purtroppo tutto si è sciolto come neve al sole a Natale. Juric ha accettato le principali scelte societarie senza opporre la propria ferma posizione; si è rivelato acerbo in una piazza esigente che vuole vedere giocare al calcio. L’anno prossimo il Grifo sarà da rifare quasi completamente, di nuovo“.

Mandorlini è la migliore scelta per il dopo Juric? Sì, è un duro. Tralasciando gli episodi del passato, Mandorlini si presenta come un motivatore che sa lavorare bene con qualsiasi gruppo, adattandosi alla situazione. Da Juric eredita una squadra con caratteristiche da 4-3-3 o le varianti del 3-5-2. Il nuovo mister dovrà motivare squadra e ambiente e scegliere le forze del futuro (se reputiamo salvo il Grifo). Aggiungo che le parole di Enrico Nicolini hanno un grande spessore: si è dimostrato un uomo onesto che ha anteposto alcuni valori al denaro“.

I prossimi tre mesi saranno decisivi per i rapporti club-tifosi, ai minimi storici. La frattura è insanabile? La sconfitta di Pescara è un’onta che sarà ricordata a lungo. I tifosi genoani hanno assorbito tutto, dal derby perso con un autogol al 3-4 col Palermo, ma adesso la misura è colma. La gente non ne può più, i bonus sono finiti: che i giocatori portino il Genoa fuori dalla palude. Nel futuro tutto dipenderà dai risultati e dalle promesse di Preziosi: il patron ha sempre parlato chiaro, tuttavia sarebbe bello se un giocatore di prospettiva restasse più di un anno“.

Alessandro Legnazzi, Beppe Nuti

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

CLICCA QUI PER LEGGERE IL PRECEDENTE NUMERO DEL GRIFO D’ATTACCO

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.