Genoa, che sia l’annata buona?

Se lo chiede Franco Ricciardi, il più vecchio radiocronista del Genoa: era il 1977 a Radio Mediterraneo. Racconta come Piatek ha mandato a picco la navicella Lecce: 4 gol!

2267
Esultanza Genoa (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un bel Genoa. Niente da dire. Con un super numero 9. Il neo attaccante genoano Piatek, con un debutto che a Marassi non si era mai visto. Resta in campo poco più di un tempo e gonfia la rete 4 volte: di testa, di destro, di sinistro. Roba da stropicciarsi gli occhi, da non credere. Arriva dalla Polonia con tanto di credenziali di Boniek; che a dire il vero, in passato non è che ne ha imbroccate molte. Questa volta potrebbe essere diverso.

E con le quattro reti del bomber polacco il Genoa in 45 minuti archivia la pratica Lecce: 4-0 e tutti a casa. E’ stato comunque, nonostante la pochezza dimostrata in campo dalla squadra neo promossa in B dell’ex Liverani, un buon Genoa, ordinato, con quattro elementi già in palla e pronti a prendersi sulle spalle l’armata rossoblu: ci riferiamo a Mimmo Criscito, superlativo sulla fascia, Pandev, classe innata, che si è visto negare il gol da due superbi interventi del portiere giallorosso Vigorito, Romulo e Spolli.

Romulo stato il vero catalizzatore, l’ispiratore delle manovre rossoblu. Era dai tempi di Milanetto che il Grifone non aveva a centrocampo un metronomo del genere. Spolli poi è una sicurezza, non ha sbagliato un intervento.

Gli altri? Bene Biraschi e Zukanovic, ok anche Lazovic e Zukanovic. Non male anche gli entrati nel secondo tempo, Gunter, Mazzitelli e Bessa.

In tribuna abbiamo incrociato il neo acquisto Favilli, gasatissimo di essere arrivato al Genoa. Un fisico alla Shurhavy che si integrerà molto bene con il numero 9 polacco. E poi c’è sempre Sandro, che se metterà fine ai suoi guai fisici sarà veramente la ciliegina sulla torta di questo Genoa 2018-2019.

In tribuna, i tifosi più caldi erano preoccupati. “Belin, manca ancora una settimana alla chiusura del mercato…”. Impauriti dai 4 gol di Piatek e della sua possibile partenza… subito! Si scherza naturalmente.

Contro il Lecce si è visto chiaramente che per Laxalt, Lapadula ed Omeonga in questo Genoa non c’è più posto. Giusto così, anche se per il giovanissimo centrocampista un po’ dispiace.

Si guarda avanti… Domenica prossima è già campionato. Si va a San Siro, ad affrontare il Milan. In questo caso il Genoa ha soltanto da guadagnarci…Vai Grifone, che sia l’annata giusta?

Franco Ricciardi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.