Pizzorno, Kasabian: “Avrei spostato il tour per il derby”

Il front man della band inglese è un grande tifoso del Genoa. La fede rossoblù deriva dal nonno Evandro Lorenzo che emigrò a Leicester

117
Sergio 'Serge' Pizzorno, front man dei Kasabian (da genoacfc.it)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sergio Pizzorno ha un trucco infallibile per trasferire sul palco l’energia che possedeva da bambino. Bere tanto rum prima di un’esibizione. Consiglio non propriamente consono a chi di mestiere deve scendere in campo a giocare a calcio. Il front man dei Kasabian sarà di scena questa sera a Milano per la tappa italiana del tour del loro sesto album For Cryin Out Loud. «Domani, invece, saremo a Vienna: peccato perché la data coincide con il derby della Lanterna, non lo sapevo altrimenti avrei spostato la data» spiega Pizzorno in una lunga intervista a RollingStone.

La band è originaria di Leicester, città che ospitò suo nonno Evandro Lorenzo, emigrante italiano in cerca di lavoro. Pizzorno ha ereditato da lui e dallo zio Gianni la passione sfrenata per il Genoa: «Sono tornato al Ferraris due anni fa (in foto, ndr). Ho assistito dal vivo a parecchie partite di calcio ma ammetto che non ho mai visto niente di simile: è stata un’esperienza incredibile».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.