Lino Marmorato – Weekend senza calcio…tanti calci

Il direttore di Buoncalcioatutti: "Weekend senza calcio ma tanti calci dove non batte il sole, in Lega Serie A, Serie B e FIGC"

149
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Stasera torna in campo la Nazionale contro l’Arabia Saudita. Mancini ha chiesto tempo asserendo che non è un Mago. Ne avrà parecchio anche se il cielo azzurro in questo è come le peripezie meteo di questo mese di maggio con tante nuvole. Mancini parte con Balotelli e cinque debuttanti. Balotelli sarà il caposaldo della nuova avventura del Mancio. Trenta i convocati per questo ciclo di partite con arabi, francesi e olandesi per cercare di fare alla svelta nel conoscere quello che può passare il calcio italiano.

Dei cinque, l’unico nuovo sarebbe stato l’ex Roma Emerson Palmieri, tornato per già a casa a causa di un infortunio; gli altri un salto a Coverciano lo avevano già fatto con Prandelli e Ventura: Baselli, Mandragora, Berardi e Caldara. Richiamato anche Criscito, pupillo di Mancini in Russia: finalmente un vero esterno di piede sinistro in nazionale. L’altra novità sarebbe stata Marchisio, ai margini di Allegri: anch’egli ha lasciato Coverciano lo scorso 24 maggio. Non convocato Candreva per motivi tecnici diversamente da De Rossi per età anagrafica. Trenta giocatori che giocheranno tutti nelle tre amichevoli, salvo qualche defezione dopo l’arrivo a Coverciano. Sono tornati a casa Immobile, Bernardeschi e i già citati Palmieri e Marchisio.

Mancini vuole lo spirito della nazionale del 1982. L’ispirazione è sulle orme di Bearzot che fece il mondiale spagnolo prima con tanti problemi e dopo con un risultato non aspettato da nessuno. Mancini vuole subito risultati per risalire il ranking Fifa.

Più che ai risultati  l’ex bimbo del calcio italiano deve stare incollato a Costacurta, Malagò e agli abetani – non quelli di Striscia la Notizia – perché facciano e mettano subito in agenda non solo la riforma dei campionati e il semi-blocco degli stranieri ma tutte le altre riforme per mettere alla pari il calcio italiano con le altre nazioni.

Invece no! Si è rivisto il solito…CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO SU BUONCALCIOATUTTI

Lino Marmorato – Buoncalcioatutti

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.