Lino Marmorato – Tre.Cani del calciomercato

L'opinione del direttore di Buoncalcioatutti

57
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sette giorni alla fine del calciomercato. Continueranno montagne di chiacchiere, come sempre,  e questa volta rischiano di essere nulli i trasferimenti decisivi, eccetto quelli  dell’Inter con Joao  Mario e Gabigol, attori non protagonisti sul prato del Meazza.

Il calcio di mercato del gennaio 2018 andrà in archivio perché molte squadre stanno cercando di vendere i giocatori migliori per essere in regola con le norme UEFA sui bilanci. Regole che saranno più penalizzanti non solo per le società top che si giocheranno l’Europa  ma anche per le piccole e medie, se non saranno cambiate dopo l’avvento del nuovo presidente federale. Regole che porteranno le squadre ad adeguarsi alle norme della Licenza Uefa per iscriversi al campionato 2018/2019.

Il fair play finanziario un insieme di regole che deve o dovrebbe disciplinare e razionalizzare le finanze dei club calcistici per evitare gli indebitamenti folli e i fallimenti del passato. Dolorosi per il calcio italiano quello del Parma a cui si aggiungono quest’anno, per adesso, quelli di Modena e Vicenza.

Il fair play finanziario è in vigore dal 2009, dal 2011 per le squadre che si qualificano per le competizioni UEFA. Le prime sanzioni per la mancanza di requisiti sono arrivate nel maggio del 2014. Se anche in Italia nella prossima iscrizione al campionato bisognerà ottemperare alle regole UEFA per iscriversi al campionato le società dovranno dimostrare di non avere insoluti verso altri club di tutto il mondo, di avere…CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO SU BUONCALCIOATUTTI.IT

Lino Marmorato – Buoncalcioatutti

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.