Lino Marmorato – Lega e FIGC, avanspettacolo di calcio e politica

L'opinione del direttore di Buoncalcioatutti sull'elezione del presidente federale

36
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Calci al buon senso. Le elezioni fra 10 giorni della FIGC sono sulla stessa lunghezza d’onda delle elezioni politiche: programmi e promesse mai mantenute. La parola coalizione è magica nel calcio come nella politica. Nessuno ha i numeri per poter comandare, prendersi delle responsabilità, fare delle riforme da toccare e vedere per il paese e il calcio.

Gravina, Sibilia e Tommasi sono i candidati. Lotito si è ritirato quando ha capito che non avrebbe mai avuto i numeri per comandare. Sono i primi tre che corrono per la Presidenza della FIGC e per farlo dovranno trovare una maggioranza attendibile. Tutto galleggia come sempre sul compromesso.

La Lega di Serie A è sempre alle prese con le lotte clandestine, non darà nessun mandato a nessun personaggio di quelli in lizza e quelli che vorrebbero subentrare. Lotito ci ha provato ma è stato bocciato. Al Presidente della Lazio piacerebbe entrare da attore principale nella nuova FIGC: non ha ancora digerito di essere stato estromesso nell’era Tavecchio per colpa degli scandali.

Lotito continuerà a lavorare nel cercare equilibri delicati tra le parti. Il suo disegno raccontato dentro il Palazzo della FIGC è quello di Sibilia presidente…CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTO L’ARTICOLO SU BUONCALCIOATUTTI.IT

Lino Marmorato – Buoncalcioatutti

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.